Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Rallentamento del Vortice Polare entro la prima decade di gennaio; quali conseguenze?

Durante la prima decade di gennaio 2014, l'instabilità nord-atlantica potrebbe tornare a farsi sentire in modo più deciso un pò su tutto lo stivale italiano, vediamo perche.

Fantameteo 15gg - 19 Dicembre 2013, ore 15.10

Dopo aver attraversato una fase di attività particolarmente "parossistica", il nostro Vortice Polare accuserà i primi segnali più decisi di rallentamento già durante i primi giorni del nuovo anno. Un suo parziale rallentamento, con conseguente calo dell'indice AO da +2 a valori di neutralità, è previsto comunque iniziare già dal periodo natalizio.

Quest'oggi emergono infatti delle sostanziali novità in merito l'imposizione di una nuova circolazione atmosferica che andrà interessando il bacino del Mediterraneo con l'arrivo del nuovo anno. Ad attivare questi disturbi, l'avvento di un "Minor Warming" in stratosfera sul comparto orientale siberiano, il quale avrà il merito di disturbare il Vortice Polare quel tanto che basta da attivare delle ondulazioni più decise del getto anche sul comparto atlantico, in attesa (forse) di una attivazione più decisa degli scambi termici meridiani entro la seconda decade di gennaio.

Come potrebbe comportarsi il tempo atmosferico lungo lo stivale italiano con l'arrivo del nuovo anno?

L'esordio dell'annata 2014 sarà caratterizzata da un sensibile abbassamento del fronte polare a tal punto che alcune importanti ciclogenesi potranno interessare il bacino del Mediterraneo portando episodi di tempo perturbato con precipitazioni che, sulle regioni settentrionali potrebbero risultare nevose a quote non troppo alte. La massa d'aria che interesserà il bacino del Mediterraneo avrà infatti un'origine nord-atlantica, caratterizzata da valori bassi di geopotenziale in grado di attivare profondi gorghi depressionari una volta entrata in contatto con le acque assai tiepide dei nostri mari.

Arriverà quindi del freddo intenso invernale?

L'evoluzione sposata dai modelli entro il periodo 1 - 10 gennaio 2014 pare avvallare sull'Italia l'ipotesi di una recrudescenza di maltempo innescata da una circolazione fresca ed instabile di natura nord-atlantica che diverrà sempre più importante col passare dei giorni. Con questo tipo di massa d'aria, l'arrivo di freddo intenso, accompagnato da duri rigori invernali, appare al momento scongiurato. Avremo infatti a che fare con l'influenza di masse d'aria fredda dalle caratteristiche "oceaniche", caratterizzate quindi dal possedere molta vorticità (in grado di costruire sistemi nuvolosi e precipitazioni) ma accompagnate da valori termici non eccessivamente freddi.

Sintesi previsionale da venerdì 27 a domenica 29: l'Italia verrà attraversata da una perturbazione che distribuirà precipitazioni sparse soprattutto sui versanti occidentali delle regioni centrali e settentrionali. Calo delle temperature più avvertibile in quota, dove si verificherà un calo della quota neve sia sulle Alpi che sull'Appennino settentrionale sin sotto i 1000 metri.

Lunedì 30 - martedì 31: fase interlocutoria con temporaneo miglioramento delle condizioni atmosferiche su gran parte del Paese ad eccezione dell'area alpina di confine che sarà interessata ancora da nuvolosità ed occasionali nevicate.

1 gennaio 2014, CAPODANNO: nuova perturbazione si appresta ad interessare lo stivale portando precipitazioni sparse a partire dalle regioni settentrionali. Tempo più secco sui versanti adriatici.

Tendenza ulteriore per la prima decade di gennaio: flusso di aria fresca ed instabile nord-atlantica, garantisce il mantenimento di condizioni atmosferiche instabili in un contesto termico fresco ma non gelido. (da confermare)

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 16.37: SS288 Di Aidone

rallentamento

Traffico rallentato, straripamenti a 3,386 km prima di Incrocio Masseria Tenutella (Km. 10,5) in..…

h 16.35: A14 Ancona-Pescara

coda incidente

Code per 2 km causa ripristino incidente nel tratto compreso tra San Benedetto Del Tronto (Km. 311..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum