Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Novità per il Ponte di Ognissanti

Diventa meno probabile un affondo di aria fredda sulle Canarie e una risposta calda sull'Italia. Dovrebbe invece intervenire l'anticiclone delle Azzorre, sospinto verso di noi dall'accelerazione della corrente a getto. Ne deriverà un tempo più tranquillo, ma non troppo...

Fantameteo 15gg - 24 Ottobre 2012, ore 15.15

Ponte di Ognissanti (1-4 novembre) Si allontana l'ipotesi di un aggancio tra la saccatura fredda in discesa dal nord Europa e l'ex uragano Toni. In questo modo non ci sarebbe nemmeno una nuova rimonta africana sul nostro Paese, sostituita invece dall'espansione di un cuneo anticiclonico azzorriano, ugualmente mite, ma non troppo e con parziale garanzia di tempo stabile, ma non troppo.

Niente bis di freddo e neve dunque, ma nemmeno più Africa.

L'anticiclone tuttavia, non solo potrebbe portare le nebbie sulle bassure, ma non sarebbe così forte e statico da consentire una lunga durata del bel tempo. Infatti, al primo rallentamento del getto, piccoli cavi d'onda, insomma piccole saccature, potrebbero consentire il passaggio di almeno una perturbazione con qualche pioggia sparsa.

Il tutto in un regime zonale che significherebbe autunno e che chiuderebbe almeno per un po' la porta alle correnti fredde da nord, così come a velleità fuori stagione dell'anticiclone subtropicale.

Ma ci sono anche altre ipotesi: quella di un getto che procede a sbalzi e che dunque potrebbe rallentare o bloccarsi nuovamente subito dopo la partenza. Questo significherebbe sperimentare nuovamente avere a che fare con vortici freddi in discesa dal nord Europa e diretti poi, o sulle nostre teste, o su quelle degli abitanti della Penisola balcanica. 

Insomma si gioca ancora tutto sul filo del rasoio, ma con novità non di poco conto, che ridimensionano, almeno per ora, la possibilità di una storpiatura così innaturale delle correnti in quota, con quell'anticiclone africano costretto a risalire per l'ennesima volta verso lo Stivale. Siamo dunque contenti che la stagione dia qualche segnale di risveglio, dopo una fase piacevole, ma francamente troppo mite. E' tempo insomma di dinamismo autunnale.

Da martedì 6 o mercoledì 7, se il getto si bloccasse davvero, potrebbero dunque intervenire nuovi impulsi freddi dal nord Europa, se rallentasse solo un po', giungerebbero perturbazioni da ovest di tanto in tanto, una cosa molto diversa. Vedremo se sarà così.

RIASSUMENDO, ecco le nuove 4 ipotesi di oggi con relativa attendibilità espressa in percentuale tra l'1 ed il 9 novembre:
1 saccatura fredda disturbata dall'inserimento dell'alta pressione con tempo variabile sull'Italia, ma con lunghi momenti soleggiati, ma anche qualche nebbia. Scarso rischio di precipitazioni. Dal 6 variabilità atlantica, con guasti modesti e solo un po' di pioggia a tratti(40%); 

2 saccatura fredda sulle Canarie e rimonta africana con bel tempo mite, ma nebbie sulle pianure e modesti disturbi al nord, poi fase variabile da decifrare. (25%)

3 anticiclone delle Azzorre in rimonta sino al 4 con bel tempo ma nebbie in pianura, poi nuova pulsazione dell'anticiclone verso nord e impulsi freddi in arrivo dal nord Europa con conseguenze a tratti perturbate e ritorno della neve in montagna (25%)

4 saccatura fredda che entra diretta nuovamente sul Mediterraneo centrale dal 2 novembre con altro maltempo e anche neve in quota, poi variabilità e tempo poco predicibile (10%).
  


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum