Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

METEO a 15 giorni: correnti fresche da nord-ovest sull'Italia?

Modelli più vicini di quanto si possa credere.

Fantameteo 15gg - 1 Dicembre 2014, ore 14.52

E' sicuramente il modello canadese quello che strizza l'occhio maggiormente all'inverno. Lo vediamo qui a fianco nella mappa prevista dal suo run di controllo, che opta per una soluzione fredda e depressionaria sull'Italia tra giovedì 11 e sabato 13 dicembre.

Una soluzione che peraltro si scorge anche in molti altri scenari perturbatori
dello stesso modello e di conseguenza anche nella corsa che riassume la media degli scenari.

In pratica l'affondo artico ci sarebbe ma nettamente disturbato dalla forza a corrente a getto, quel fiume d'aria che scorre a 10km di altezza sopra le nostre teste, legato all'attività del vortice polare, che quando si arrabbia lo fa filare a velocità supersonica, facendo intervenire su di noi l'anticiclone delle Azzorre.

La frenata del getto sarebbe però sufficiente per spingere per la prima volta le correnti fredde da nord-ovest sul nostro Paese, interessando soprattutto le nostre regioni adriatiche e quelle meridionali con venti freddi, abbassamento delle temperature e anche spruzzate di neve in Appennino a quote basse. 

Il modello europeo nelle contronalisi, cioè negli scenari alternativi alla sua emissione principale, è meno votato all'inverno: intendiamoci, vede anch'esso un'ondulazione delle correnti tale da consentire l'ingresso di aria moderatamente fredda sull'Italia, ma senza particolari sconvolgimenti.

Paradossalmente il modello americano, che sembrava più restio in questi ultimi giorni a vedere una frenata importante della corrente a getto e dunque dava molto probabile la vittoria dell'anticiclone, proprio nelle sue corse perturbatrici lascia spazio sufficiente alla fantasia, gettando nel piatto "spaghetti" alla rinfusa, ossia situazioni estreme sia miti che fredde, con le quali basta fare una piccola media per ritrovare proprio la situazione che abbiamo descritto: correnti da nord-ovest, un po' di freddo e qualche fenomeno al centro-sud.

Alla fine come vedete modelli che sembrano proporre soluzioni molto diverse tra loro, non sono poi così lontani dal prevederne una comune: cioè questa piccola sfuriata di aria artica marittima e sarebbe già "tanta roba".

MeteoLive peraltro resta convinto che entro il giro di boia di dicembre o nei giorni immediatamente successivi, la frenata del getto potrà risultare ben più vistosa, soprattutto in considerazione di quanto esposto in sede di analisi delle condizioni di partenza di questa stagione:
http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/previsioni-meteo-inverno-2014-2015-le-ultimissime-prima-parte-/48148/ 

Vorremmo infine precisare che tutte le proiezioni previsionali che commentiamo non sono frutto del caso, ma il risultato di complesse operazioni matematiche che tengono conto delle conoscenze più aggiornate delle leggi fisiche dell'atmosfera, come la conservazione della massa, la conservazione del momento angolare, la conservazione dell’energia e la relazione di stato.

In particolare perchè un modello matematico funzioni occorre conoscere lo stato iniziale dell'atmosfera ed entrano in gioco ben 7 variabili: le 3 componenti del vento secondo un sistema di riferimento tridimensionale, la pressione, la temperatura, l'umidità e l'intensità delle velocità verticali. Il compito dei computer è quello di risolvere il sistema di equazioni che legano tra loro queste 7 variabili e vi assicuriamo che non si tratta di un gioco da ragazzi.

SINTESI tra MARTEDI 9 e MARTEDI 16 DICEMBRE:
martedì 9 e mercoledì 10 lieve variabilità ma senza fenomeni.

Possibile tra giovedì 11 e sabato 13 un passaggio perturbato da nord-ovest con venti forti sull'Italia, calo termico, foehn al nord-ovest, ma moderato maltempo su regioni del medio Adriatico e al sud con calo delle temperature, temporali sparsi e rovesci di neve oltre i 600-800m in Appennino.

In seguito miglioramento. 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum