Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Marzo ci porterà i primi segnali di primavera?

La fine di febbraio e l'inizio marzo potrebbero proporre i primi tepori primaverili: proviamo a formulare una linea di tendenza sulla delicata fase di passaggio tra le ultime recrudescenze invernali ed una primavera che avrà sempre più voglia di imporsi.

Fantameteo 15gg - 19 Febbraio 2013, ore 15.30

Conclusa la parentesi fredda che caratterizzerà quest'ultimo scorcio di febbraio, l'arrivo di marzo sull'Europa potrebbe esordire con tutt'altro tipo di circolazione. L'avvio della prima fase primaverile prenderebbe vita dalle ceneri della circolazione di stampo prettamente invernale prevista questa settimana. 

Scendendo nel dettaglio, un ruolo piuttosto importante potrebbe essere fornito dallo stesso anticiclone che in questo momento risulta posizionato a cavallo tra Regno Unito, oceano Atlantico settentrionale e penisola Scandinava. Una volta esauriti gli effetti dell'aria fredda da nord-est che per alcuni giorni dominerà il tempo sull'Europa, lo stesso anticiclone potrebbe "spanciare" verso il Mediterraneo, chiudendo ben presto i rubinetti dell'aria fredda diretti al vecchio continente.

Una zona d'alta pressione protesa sull'Europa occidentale, potrebbe favorire un netto riscaldamento della temperatura proprio a partire dall'angolo occidentale europeo. I primi segnali di adagiamento dell'anticiclone sull'Europa e sul Mediterraneo vengono intravisti dai modelli matematici di previsione già mercoledì 27.

Con l'arrivo dei primi giorni di marzo, un rinforzo della corrente zonale sul medio ed alto Atlantico determinerebbe il definitivo coricamento dell'alta pressione sul Mediterraneo. Sull'Europa sopraggiungerebbe così un tipo di circolazione assai più mite che in pochi giorni ricaccerebbe verso est l'aria fredda precedentemente affluita.

Tendenza previsionale da mercoledì 27 febbraio a giovedì 7 marzo:

Mercoledì 27 - giovedì 28: anticiclone sull'Europa nord-occidentale tende a coricarsi gradualmente verso il bacino del Mediterraneo. Sull'Italia veloce attenuazione dell'azione fredda scivolata sul fianco orientale dell'alta pressione. Aumento delle temperature più accentuato a partire dalle regioni del nord e dalla Sardegna, in propagazione giovedì 28 al resto del Paese. Possibili episodi favonici alpini sull'Italia settentrionale.

Venerdì primo marzo - sabato 2: anticiclone sull'Italia con netto aumento delle temperature alle quote superiori. Aumento termico più contenuto nelle zone di pianura grazie a delle foschie e qualche episodio nebbioso.

Periodo da domenica 3 a giovedì 7: col passare dei giorni l'anticiclone potrebbe restare confinato sul Mediterraneo centro-orientale interessando direttamente le sole regioni del centro-sud. Il graduale abbassamento del geopotenziale in area Iberica favorirà sull'Italia settentrionale la creazione di un flusso vivace di correnti meridionali. In conseguenza di questo il tempo sull'Italia centrale ma soprattutto su quella settentrionale potrebbe risultare piuttosto nuvoloso con qualche precipitazione lungo le coste tirreniche. Tempo migliore al meridione. Temperature ovunque su valori tiepidi sia al suolo che in quota. (previsione da confermare)


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum