Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Lungo termine con instabilità ad oltranza? E' l'ipotesi più probabile

Il passaggio frontale che avverrà tra venerdì 26 e sabato 27 ottobre aprirà una grossa ferita nel bacino del Mediterraneo. Ulteriori passaggi perturbati potrebbero coinvolgere il nostro Paese sino alla fine del mese corrente. Probabile avvio instabile e perturbato del novembre 2012.

Fantameteo 15gg - 23 Ottobre 2012, ore 16.06

Chiudi una porta si spalanca un portone! Potrebbe essere riassunto così il percorso che intraprenderà l'atmosfera a partire dal prossimo fine settimana. Conclusa nel Mediterraneo l'ennesima ondata di calore (decisamente fuori stagione) provocata dall'affondo di una depressione sull'Europa occidentale, ben presto a prendere le redini del comando ci penserà una nuova depressione di origini nord europee.

L'intenso calo di pressione e geopotenziali tra venerdì 26 e sabato 27 scaverà una sorta di "voragine" barica sul centro Europa. tutto questo faciliterà l'ingresso sul Mediterraneo di altri fronti perturbati tra la fine di ottobre ed i primi giorni di novembre.

La posizione defilata dell'anticiclone in oceano Atlantico viaggerà in alleanza con una forte tendenza delle masse d'aria fredda artiche e nord atlantiche a formare ciclogenesi sul continente Europeo.

Quello che già da qualche giorno emerge nelle previsioni a lungo termine, è la tendenza dell'anticiclone oceanico a "seguire" le anomalie termiche marine presenti sull'Atlantico canadese ed americano. Verrà così liberata la porta occidentale europea dalla protezione offerta dall'alta pressione.

Che conseguenze potrebbe avere tutto questo?

Al momento l'ipotesi più probabile è la formazione sull'Europa occidentale di un canale ciclonico direttamente alimentato da aria fredda groenlandese. Il centro motore di tutta la giostra troverà un perno tra la penisola Iberica e la Francia. Minimi secondari di bassa pressione sul Mediterraneo "scorteranno" sistemi nuvolosi organizzati, associati a precipitazioni. La distribuzione delle piogge appare abbastanza democratica seppur con una lieve tendenza ad avere fenomeni precipitativi più abbondanti nelle regioni centrali.

Già a partire da martedì 30 ottobre questo stato di cose diverrebbe realtà. Andrebbe scavandosi un corridoio ciclonico (atlantico basso) col passaggio nel Mediterraneo di alcuni impulsi pertubati da ovest verso est.

Mercoledì 31 ottobre prenderebbe consistenza il flusso di aria fredda nord atlantica sull'Europa occidentale. La pressione diminuirebbe in modo più deciso nel sud della Francia e sulla penisola Iberica con la formazione di un sistema nuvoloso foriero di pioggia specie al centro ed al nord.
 
Dopo il break di giovedì primo novembre, un secondo fronte perturbato investirebbe le regioni centro-settentrionali italiane venerdì 2 con un nuovo carico di pioggia.

Un vasto canale ciclonico prenderebbe consistenza sulla regione francese avanzando poi verso il settentrione d'Italia sabato 3 e domenica 4 novembre. Al nord prenderebbero così il sopravvento alcuni fenomeni di instabilità legati alla presenza del nocciolo d'aria fredda in quota.

Le precipitazioni più estese si trasferirebbero in questo caso al centro-sud con la possibile formazione di un minimo al suolo tra medio-basso Tirreno e medio-basso Adriatico.

La situazione potrebbe (forse) sbloccarsi con l'arrivo di lunedì 5 novembre quando una provvidenziale spallata regalata dall'anticiclone delle Azzorre potrebbe far evolvere verso levante il centro motore di tutto l'apparato ciclonico.  Un miglioramento del tempo avverrebbe così a partire dalle regioni occidentali.

Per vedere il tempo da domani, mercoledì 24 ottobre sino a martedì 30, leggi qui: http://meteolive.leonardo.it/news/La-sfera-di-cristallo/20/Maltempo-sull-Italia-tra-venerdi-e-le-prime-ore-di-domenica/39190/

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum