Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Lunga fase instabile in vista per il sud da mercoledì 17?

Si profila per i prossimi giorni un periodo di elevata dinamicità atmosferica con alcuni passaggi perturbati e fenomeni che inizialmente interesseranno le regioni del nord per poi trasferirsi pianta stabile al centro-sud. Vediamone le possibili cause.

Fantameteo 15gg - 9 Ottobre 2012, ore 16.10

Sta per concludersi il breve periodo relativamente più stabile e soleggiato che abbiamo vissuto in questi giorni. Siamo ormai prossimi all'avvio di una fase perturbata che romperà definitivamente ogni velleità tardo estiva che è sopravissuta sinora all'avanzamento della stagione e l'accorciamento delle giornate.

La formazione di una zona di alta pressione alle alte latitudini favorirà nei prossimi giorni l'ingresso nel Mediterraneo di quello che gli addetti ai lavori definiscono "atlantico basso".

Una serie di impulsi perturbati colpiranno inizialmente il nord tra la seconda metà di questa settimana sino a martedì 16 ottobre. Successivamente parrebbe prendere corpo la formazione in sede basso mediterranea di una depressione indirizzata al meridione italiano.

I primi effetti di questa depressione si manifesterebbero già martedì 16 convogliando un corpo nuvoloso diretto alle due isole maggiori. Mercoledì 17 un graduale aumento della pressione in sede iberica e centro-europea potrebbe favorire la parziale evoluzione in cut-off della figura barica sopracitata favorendo l'imposizione di una ventilazione nord-orientale al settentrione.

In questa sede i fenomeni più intensi sarebbero attesi al meridione italiano ove la depressione trarrebbe giovamento dal contrasto tra l'aria ancora surriscaldata prelevata dalle latitudini desertiche africane e quella sensibilmente più fresca di matrice atlantica.

Tra giovedì 18 e venerdì 19 la depressione tra basso mar Tirreno e mar Jonio ancora non completamente distaccata dalla circolazione principale, compierebbe dei piccoli passi verso est andando ad interessare più direttamente il settore Jonico, il mar Egeo e la Grecia dove potrebbero concentrarsi i fenomeni di contrasto maggiore e di conseguenza anche gli eventi più vistosi.

Sul bordo settentrionale della depressione forti venti da est nord-est interesserebbero tutte le regioni del medio-alto Tirreno e Adriatico con cieli spesso nuvolosi ed occasionali precipitazioni provocate dalla ritornante occlusa che periodicamente investirà queste regioni senza far imporre un soleggiamento convinto.

Un miglioramento della situazione sarebbe atteso solo da sabato 20 quando un provvidenziale promontorio anticiclonico farebbe ristabilire il tempo atmosferico su buona parte del Paese ad iniziare dal nord.

Una storia "fatta" di tempo perturbato ma per una fetta del Paese con un lieto fine; spingendosi su congetture a lunghissimo termine, tra lunedì 22 e martedì 23 ottobre prenderebbe infatti possesso del continente europeo una vasta zona di alta pressione di tipo continentale. Questa alta pressione avrebbe un cuore dinamico alle quote superiori e subirebbe una parziale termicizzazione nei bassissimi livelli atmosferici.

Una situazione di questo tipo fosse realistica porterebbe ad un primo importante raffreddamento da inversione termica sulle pianure dell'Europa centrale ed orientale. sull'Italia i primi consistenti raffreddamenti delle temperature notturne interverrebbero su val Padana proiettandoci nell'autunno profondo anche sotto un punto di vista termico.

Al meridione persisterebbero invece condizioni di moderata instabilità provocate dal continuo scivolamento di aria fresca dal fianco orientale dell'alta pressione sino al basso Tirreno ed il mar Jonio, rinnovando i contrasti.

Seguite gli aggiornamenti.
 

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum