Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Gli spettri son tornati, ma fino a quando?

Questi "super piumoni" tengono un gran caldo ed ammorbano l'aria. Liberarsene è sempre più difficile per l'Italia, che vive in simbiosi con l'anticiclone per tanti, troppi mesi all'anno.

Fantameteo 15gg - 28 Settembre 2011, ore 15.01

Nella sequenza di mappe pubblicata un'ipotesi di cambiamento del tempo tra il 6 ed il 9 ottobre: l'alta pressione si ritrae quanto basta per consentire all'aria fredda di infilarsi da est. Sarebbe una svolta, anche se temporanea magari, ma pur sempre una svolta.

Aria, aria di casa mia, aria di libertà. Cantava così Sammy Barbot, qualcuno tra i lettori certamente lo ricorderà. Ad eccezione del sud, davvero una mosca bianca in questo periodo, si cerca ormai di capire quando finirà questa estate infinita per il resto d'Italia. Un caldo così a fine settembre è quasi preoccupante e oltretutto l'aria stagnante veicola non solo ciò che di peggio scaturisce dal traffico veicolare, ma è terreno fertile di trasmissione anche per virus e batteri.

Ogni volta che un anticiclone rimane con noi per troppo tempo, mi sovviene l'immagine del Colonnello Baroni che, commentando con palese sconcerto le carte di fine dicembre 1988, mostrava questo mostro anticiclonico stagliarsi sull'Europa e sull'Italia "e cancellare", testuali parole "il vero volto dell'inverno".

Nel suo sguardo c'era tutta l'incredulità e lo sbigottimento per una simile performance, che oggi invece appare come una realtà concreta, che quasi non stupisce più, tanto sembra entrato nel DNA climatico del nostro territorio. Per qualche anno l'anticiclone non era più sembrato così in forma, ma ora gli spettri sembrano tornati e fanno davvero paura. Pensate solo se andasse così per un anno intero? Non credete sia possibile? Non è detto. Ormai non ci siamo molto lontani, c'è sempre più anticiclone nella nostra vita.

Venendo però al concreto. Cosa attendersi? Qualche via di fuga c'è? Si vocifera dal 5-6, ma potrbbe trattarsi solo di una leggera rinfrescatina, subito soffocata da un'altra rimonta anticiclonica, che solo una lenta erosione da ovest potrebbe convincere ad abdicare, ma non prima della metà del mese di ottobre.

C'è tuttavia qualche corsa alternativa dei modelli di nostra consultazione, che prospetta, pur in modo assai aleatorio e complessivamente poco probabile, per non dire utopistico, una soluzione più spavalda, con l'aria fredda che si infila nell'unico pertugio possibile da est e sfonda nel Mediterraneo, originando una depressione in viaggio poi verso ovest. L'anticiclone si ritirerebbe più a nord e faticherebbe a ritrovare la posizione protettiva, da piumone di montagna per intenderci. Anzi, alla fine finirebbe per essere travolto da un'onda atlantica in grado di dialogare con la depressione mediterranea.

Per arrivare a vederla davvero questa configurazione di acqua sotto i ponti dovrà transitarne parecchia, onestamente basterebbe per tutti che l'alta pressione concedesse almeno un ricambio d'aria, per le piogge c'è tempo, ma lasciateci almeno assaporare la frescura dell'autunno.

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum