Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Freddo e neve in Adriatico: colpo gobbo all'Immacolata?

Ipotesi a confronto.

Fantameteo 15gg - 28 Novembre 2011, ore 14.26

Resta questa la soluzione più probabile per il periodo 6-9 dicembre: il getto rallenterà giusto quel tanto da consentire ad una intensa perturbazione di valicare le Alpi, recando fenomeni nevosi per alcuni km anche oltre lo spartiacque e spalancando per il resto le porte del Favonio, ad ovest, mentre ci sarebbe del veloce maltempo sul Triveneto e la Romagna.

La perturbazione andrebbe poi ricompattandosi all'altezza dell'Italia centrale per poi raggiungere anche il sud. L'aria fredda che la accompagnerebbe creerebbe però le condizioni per la formazione di un minimo sull'Italia meridionale, con ipotesi di neve a bassa quota dunque per il medio-basso Adriatico e poi sull'Appennino meridionale.

Se il Mediterraneo centrale diventasse poi obiettivo di ulteriori colate, allora la situazione diverrebbe potenzialmente anche per il nord e le centrali tirreniche, come mostra la seconda mappa che vi proponiamo, dove si nota che una seconda depressione potrebbe infilarsi dalla valle del Rodano e coinvolgere nel maltempo anche il settentrione, con neve a bassa quota.

Si tratterebbe di una profonda modifica barica sullo scenario europeo e dunque l'ipotesi va davvero presa con le molle, perchè smantellare l'alta pressione anche dal suo fortino occidentale significherebbe piombare in pieno inverno e forse restarci.

Bisogna vedere se davvero i tempi sono maturi per questo passo e onestamente lo riteniamo difficile, sia pure non impossibile, anche se diversi modelli stamani intravvedevano questo scenario nelle loro corse alternative a quella ufficiale.

La realtà è però al momento ben diversa e ci mostra e mostrerebbe ancora un vortice polare in forma sufficiente da imprimere alla corrente a getto ancora un moto vivace e poco ondulato, così come viene raffigurato nella mappa a fianco. In questo modo difficilmente le saccature riuscirebbero a penetrare in modo tale da dare una svolta alla stagione.

Se però le correnti occidentali dovessero davvero riuscire a scavare una buca nello Stivale, ma una di quelle profonde, allora non sarebbe difficile assistere ad un dicembre scoppiettante, anzi al tizzone. Una depressione infatti potrebbe anche decidere di isolarsi nel Mediterraneo ricevendo rinforzi gelidi da est, ma qui siamo davvero al fantameteo.

Decisamente ingloriosa invece risulterebbe la fine di questo mese se ancora una volta l'alta grassa stile fine anni 80-90 irrompesse di nuovo con tutta la sua "ciccia" nell'area mediterranea, lasciando al freddo solo qualche briciola sul basso Adriatico. E' una delle soluzioni che possono realizzarsi e dunque ve la postiamo, anche se riteniamo l'ipotesi della strozzatura, quella al momento più verosimile. Dunque per chi andrà più a nord possbile sulle Alpi e chi si troverà in Appennino potrebbe davvero festeggiare il Natale in anticipo. Come dice il Trap però: non dire gatto, anzi no say cat...if you haven't in the sac:-)

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum