Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Freddo e neve a bassa quota potrebbero farci compagnia sino alla prima decade di aprile

Condizioni meteorologiche avverse resteranno protagoniste del tempo atmosferico sia in Europa che su parte del Mediterraneo anche per la prima parte di aprile? L'ipotesi potrebbe rivelarsi realistica.

Fantameteo 15gg - 26 Marzo 2013, ore 16.00

Quanto viene proposto oggi dalle previsioni modellistiche a lungo termine ha dell'incredibile. Sino a qualche giorno fa si paventava la possibilità che qualche rimonta anticiclonica dal sapore maggiormente primaverile potesse fare capolino sul nostro Paese con l'arrivo della prima decade di aprile. In realtà gli aggiornamenti usciti oggi smentiscono in buona parte quanto era stato ipotizzato sino alla giornata di ieri. Freddo e maltempo potrebbero restare protagonisti del tempo in Europa ancora per molti giorni.

Le cause di questo evidente ritardo della stagione sono da ricercarsi nella posizione anomala assunta dall'anticiclone polare in questo periodo dell'anno. Le grandi depressioni atlantiche nascono infatti dall'aria fredda che alle latitudini polari viaggia con moto retrogrado da est verso ovest attorno alla fascia anticiclonica polare, sino a gettarsi sull'oceano Atlantico. Questo processo è una dinamica prettamente primaverile ed è del tutto fisiologica per il periodo stagionale in cui siamo.

La vera anomalia risiede nella grande estensione raggiunta dall'anticiclone polare, il quale sta condizionando pesantemente la circolazione atmosferica di tutto il continente. In questo contesto l'alimentazione di aria fredda con moto retrogrado, concorre a formare delle grandi depressioni in posizione assai più meridionale rispetto a quella canonica del periodo stagionale in atto.

Il risultato più immediato di questa particolare disposizione delle figure bariche in ambito europeo, è la creazione e la persistenza di un lungo periodo perturbato con temperature sotto la media in Europa e sull'Italia settentrionale dove nelle ultime ore si sono registrate nevicate sino in pianura.

Questo circolo vizioso pare non volersi interrompere nemmeno con l'arrivo della prima decade di aprile. Salgono le quotazioni per assistere ad alcune nevicate tardive sino a quote estremamente basse anche nel prossimo mese, spalancando forse le porte a qualche nuovo record.

Parlando a livello puramente sinottico, la ragione di questa persistenza di freddo ed instabilità sul nostro continente sarebbe provocata dalla continua elevazione di alcune aree di alta pressione che dal medio Atlantico risalirebbero verso nord sino a creare delle modeste configurazioni di blocking. Queste stesse configurazioni dirotterebbero sull'Europa masse d'aria fredda artica con risvolti freschi ed instabili anche sul Mediterraneo.

Tendenza previsionale da mercoledì 3 aprile a giovedì 11:

Mercoledì 3 - giovedì 4: depressione sull'Italia centrale mantiene ancora condizioni di tempo instabile su tutto il Paese con precipitazioni frequenti specie al centro ed al sud dove le temperature saranno leggermente più tiepide per via della ventilazione meridionale. Ventilazione orientale sul nord dove le temperature saranno più fresche.

Venerdì 5 - sabato 6: aria fredda artica si spinge sin verso la penisola Iberica generando una nuova depressione sui mari occidentali italiani. Nubi e precipitazioni in arrivo sul settentrione con quota neve modesta e condizioni ancora di freddo umido soprattutto sulle pianure. Aumento delle nubi anche al centro ed al sud con tendenza a precipiazioni accompagnate da venti sciroccali e temperature più tiepide.

Domenica 7 - lunedì 8: va scavandosi dalla Scandinavia all'Europa occidentale un lungo corridoio di aria fredda. Aria fredda/gelida di origine artico-scandinava si muove sino alla Francia ed alla penisola Iberica rinnovando una circolazione ciclonica foriera di tempo instabile su tutto il Paese. Le precipitazioni saranno concentrate soprattutto al centro-sud, accompagnate da temperature leggermente più tiepide. Al nord ventilazione settentrionale con graduale calo della temperatura.

 Martedì 9 - mercoledì 10 - giovedì 11: continua il flusso di venti orientali diretti sull'Europa ed in parte sul nostro Paese. Il tempo seguiterà a presentare il suo lato più freddo e ventoso sulle regioni settentrionali dove le precipitazioni saranno complessivamente minori. Temperature più tiepide con precipitazioni maggiori sul mezzogiorno.


 

 

 

 

 

Approfondimenti su: http://meteolive.leonardo.it/news/La-sfera-di-cristallo/20/Pasqua-matta--ecco-chi-avra-il-tempo-migliore-e-chi-quello-peggiore/40949/ di Alessio Grosso.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 06.45: A1 Firenze-Roma

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Magliano Sabina (Km. 501,6) e Ponzano Romano-Soratte (Km. 516)..…

h 06.44: A30 Caserta-Salerno

coda incendio

Code per 1 km causa incendio nel tratto compreso tra Nocera Pagani (Km. 40) e Barriera Di Salerno..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum