Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Estate settembrina a rischio di altre "crisette"

Spesso in questa fase finale della stagione estiva, gli anticicloni riescono ad impadronirsi della scena europea anche per molti giorni o settimane e si ha quasi l'impressione di vivere senza tempo atmosferico, tanto le giornate si ripetono tutte uguali. Quest'anno il settembre si è aperto con un episodio perturbato non trascurabile e il dominio degli anticicloni è ancora in forse.

Fantameteo 15gg - 7 Settembre 2012, ore 14.49

Estate settembrina dunque, ma per quanto? Nella rubrica "la sfera di cristallo" avete letto di un possibile disturbo entro metà mese, con particolare interessamento del versante adriatico e del meridione. Dalla riuscita o meno di questo tentativo di inserimento delle correnti atlantiche, dipenderà l'andamento della seconda parte del mese.

In ogni caso ci sembra di osservare un anticiclone meno possente rispetto a quello che si poteva osservare nello stesso periodo negli anni passati, dunque attendiamoci qualche altra sorpresa. Anche perchè se una seconda goccia fredda si trovasse a vagare per il Mediterraneo tutta la struttura anticiclonica farebbe fatica a tenergli testa.

Queste gocce infatti possono fungere da esca per altre saccature in discesa dal nord Europa e dunque risultano potenzialmente destibilizzanti molto più che a scala locale.

Era chiaro che l'estate non potesse improvvisamente eclissarsi, perchè, come abbiamo sempre detto su MeteoLive da anni "muore quasi sempre di vecchiaia e quasi mai di malattia", salvo in rari casi.

Tuttavia quest'anno di acciacchi potrebbe metterne in conto parecchi. Se invece l'aria fresca non riuscisse a sfondare, non sarebbe facile assistere ad un bel monologo anticiclonico ancora per alcuni giorni. L'idea attuale però è che prevalga la dinamicità.

Dunque, dopo il parziale ristabilimento del 15-16, altre visite instabili dal nord Europa potrebbe coinvolgere il Mediterraneo; scambi meridiani insomma, mentre la zonalità classica, quella con le perturbazioni atlantiche in serie che scorrevano da ovest verso est e che venivano contate con i numerini da Bernacca e Baroni, beh, quelle sono lontane anni luce.

Il clima è cambiato e così anche il mondo, e tanto..


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum