Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Confermata la prima invernata a fine mese sull'Italia

Anche le ultimissime emissioni confermano una situazione che depone per l'inserimento di aria fredda dai quadranti nord-occidentali sul nostro Paese.

Fantameteo 15gg - 12 Novembre 2012, ore 15.07

Qui deve raffreddare! Basta con il mare caldo che genera mostri temporaleschi che scaricano 200mm di pioggia in una sola giornata (quando va bene). Basta con le alluvioni lampo da temporali autorigeneranti che pescano energia da un mare che ha bisogno di una bella raffreddata.

Arriverà questa raffreddata? Probabilmente SI, come del resto riportato stamane su MeteoLive; oltretutto anche nelle ultime ore sono arrivate conferme in tal senso. Nell'ultima decade del mese ci aspettiamo un affondo da nord-ovest sul bacino centrale del Mediterraneo: sia che si tratti di un ingresso dal Rodano, sia che invece l'aria fredda finisca contro le Alpi generando foehn su gran parte del nord e qualche spruzzatina di neve sui versanti adriatici del Paese, crediamo sia più che sufficiente per poter dire: stiamo per VOLTARE PAGINA.

L'autunno sta per virare lentamente verso la stagione invernale, dopo averci fatto sperimentare situazioni anche primaverili o simil estive, ma anche qualche primo forte sbalzo termico. Un autunno che ha regalato e sta regalando ancora molta pioggia al centro-nord, meno sul meridione. Siamo passati da condizioni siccitose a condizioni alluvionali.

Questo fa parte da sempre della nostra storia, ma oggi ancora di più alla luce non solo dell'evoluzione climatica verso un periodo più caldo, più o meno anche favorita dalle attività antropiche, ma anche da un'urbanizzazione selvaggia e da scarsi interventi per la salvaguardia del territorio.

Ora è tempo però che l'autunno delle piogge violente si faccia da parte, anche se sulle isole maggiori non mancheranno appendici piovose anche nei prossimi giorni. L'ingresso però nel Mediterraneo di una massa d'aria fredda, dovrebbero gettare le fondamenta per una svolta barica sul Continente e aprire la strada ad inserimenti di blocchi di aria fredda anche da altri quadranti, da nord-est o da est ad esempio.

Insomma tutto davvero ruoterà intorno agli eventi di fine novembre. E' una partita a scacchi dalla quale dipende tutta la fortuna della prima decade del dicembre. L'atteso primo ponte degli sciatori troverà tutti soddisfatti con le piste innevate? Monitoriamo questo ingresso o comunque questo calo termico previsto, da lì capiremo meglio tutto.

RIASSUMENDO:
martedì 20 parziale protezione dell'alta pressione, un po' di variabilità al sud e sulle isole in miglioramento, bello altrove, possibili locali nebbie. Non farà freddo, tranne per eventuali inversioni termiche.

mercoledì 21-giovedì 22 primi disturbi lungo le Alpi e al settentrione, poi giovedì 22 transito di un fronte da nord-ovest verso sud-est con qualche precipitazione in rapido movimento, più importante sull'estremo nord-est e poi in Adriatico. Moderato calo termico, specie in quota.

venerdì 23-sabato 24: dopo una pausa sabato altro fronte in discesa da nord-ovest verso sud-est con stessa sorte ma con fenomeni più intensi e spruzzate di neve su Dolomiti e Alpi di confine, poi sul medio Adriatico sin sotto i 1000m. Sensibile calo termico e clima un po' più rigido, ma non molto freddo.

domenica 25-lunedì 26: curiosità per capire se si formerà un minimo depressionario in sede mediterranea.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum