Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Colpo di scena: e se l'avanzamento stagionale subisse una nuova battuta d'arresto?

L'ultima emissione del modello americano nel suo insieme conferma l'impressione avuta già ieri circa una possibile ripartenza della corrente a getto duranta la fase finale del mese di novembre, proprio quando l'inverno pareva deciso ad entrare in scena. Sarà davvero così?

Fantameteo 15gg - 13 Novembre 2013, ore 15.17

E' solo una "corsa" andata storta o, come già notato nelle ultime 48 ore un po' di striscio, c'è qualcosa di più in questo dietrofront modellistico americano per l'ultima parte del mese circa un possibile balzo in avanti verso l'inverno?

In altre parole: è possibile che proprio mentre la stagione autunnale si apprestava a cedere il testimone al Generale Inverno tutto torni dominato da miti correnti occidentali?
A questo punto è necessario mettere nero su bianco qualche considerazione:
1 eccezion fatta per la giornata di venerdì 15 al nord, specie al nord-ovest, il freddo sull'Italia non era comunque destinato a farsi vivo almeno sino alla metà della prossima settimana, perchè la trottola depressionaria in arrivo se ne andrà verso la Spagna e, solo in un secondo tempo, punterà verso di noi, sollevando oltretutto aria mite sciroccali e non certo fredda di origine artica...

2  il secondo step tra mercoledì 20 e lunedì 26 prevedeva invece e ancora lo prevede per alcuni modelli, un nuovo e più marcato affondo dell'aria fredda verso l'Europa centrale e quella mediterranea, a dar manforte al minimo ballerino di rientro verso di noi dalla Spagna. In quel contesto trovava sicuramente spazio del freddo e addirittura della neve a bassa quota tra nord e zone interne del centro.

3 il modello americano però su questa situazione ci riflette da un paio di giorni, come già segnalato in mattinata sulle pagine di MeteoLive e nell'ultima emissione i suoi dubbi si sono consolidati, tanto è vero che non solo vede veicolare tutta o quasi l'aria fredda da lunedì 18 in poi sull'ovest del Continente e non su di noi, ma poi fa anche di più e cioè fa tornare a compattarsi il vortice polare (tranne qualche rara corsa alternativa) e a far correre di conseguenza come una pazza la corrente a getto.

RISULTATO: la ferita depressionaria in sede europea potrebbe finire per riassorbirsi gradualmente entro sabato 23 dopo averci dato certamente altra pioggia ma solo un pizzico di freddo e al suo posto potrebbe tornare un parziale dominio dell'alta pressione per qualche giorno, pur con qualche infiltrazione fredda da NE da mercoledì 27.

Non sarebbe nulla di tragico, perchè le masse fredde potrebbero tornare all'attacco almeno da NE per la fine del mese o al massimo entro i primi di dicembre, ma rispetto agli annunci degli ultimi articoli, beh qui c'è da registrare una battuta d'arresto di questa sorta di marcia trionfale verso un inverno anticipato o perlomeno un campanello d'allarme.
Seguite gli aggiornamenti, la situazione si è fatta intrigante!
 
Proviamo ora a tradurre il tutto in una sintesi previsionale da giovedì 21 a giovedì 28 consapevoli che le prossime emissioni potrebbero stravolgere questo quadro:

giovedì 21:
su tutte le regioni ancora tempo perturbato con piogge e rovesci temporaleschi, temperature ancora miti. Fenomeni più intensi sui versanti tirrenici.

venerdì 22:
ancora maltempo su tutto il Paese con piogge e rovesci, più insistenti ed importanti al nord e sul Tirreno, arrivo della neve sin sui 1200m a fine giornata su ovest Alpi.

sabato 23:
tempo ancora instabile con piogge sparse e qualche rovescio, anche temporalesco al centro-sud, temperature in diminuzione e quota neve attorno ai 1000m sulle Alpi, 1200m in Appennino, migliora al nord-ovest.

domenica 24:
correnti da nord-ovest recano variabilità in Adriatico e al sud, più sole al nord e sul medio ed alto Tirreno, tendenza a generale miglioramento. Fresco.

lunedì 25:
finestra di bel tempo, residui addensamenti al sud e in Adriatico.

martedì 26:
nuovo tentativo di penetrazione di una saccatura al nord, vanificato dall'intervento dell'alta pressione, coadiuvato dalla spinta di una forte corrente occidentale. Disturbi solo su Liguria, Toscana, nord-est e regioni adriatiche ma pochi fenomeni.

mercoledì 27:
inserimento di aria più fredda da NNE lungo il bordo orientale dell'alta pressione e temperature in calo, annuvolamenti irregolari in Adriatico e al sud ma senza fenomeni di rilievo. Un po' di freddo moderato.

giovedì 28:
ancora un po' di aria fredda da est ma flusso in attenuazione. Non sono attese precipitazioni di rilievo.
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum