Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Atlantico protagonista della scena europea ma l'INVERNO "cova" lassù a nord-est...

Si conferma ancora una volta la tendenza dei modelli a lungo termine di prevedere una forte influenza su tutto il continente europeo di masse d'aria tiepide ed umide di estrazione oceanica, in grado di garantire un apporto regolare di precipitazioni a scapito del mantenimento di standard termici assai miti. Qualche importante novità potrebbe tuttavia intervenire a cavallo della seconda decade di gennaio.

Fantameteo 15gg - 30 Dicembre 2013, ore 15.00

Ancora atlantico grande protagonista della scena meteorologica europea durante la prima metà di gennaio?

Ad oggi questa parrebbe essere l'ipotesi più accreditata. Il mantenimento di elevate vorticità sui settori nord-atlantici, sarebbe garantita dal continuo riversamento di aria fredda polare dal comparto canadese verso l'oceano, rinnovando le condizioni ideali per la formazione di intense depressioni extratropicali.

La differenza più importante che caratterizza questa stagione 2013 - 2014 rispetto a quelle degli anni passati, è rappresentata dal processo di ricompattamento del Vortice Polare che quest'anno è andato presentando il proprio nucleo più gelido, fortemente sbilanciato verso i settori artici canadesi. Questa è una forte differenza poichè negli inverni del recente passato il Vortice Polare ha spesso iniziato il suo processo di raffreddamento a partire dal comparto Euroasiatico, agevolando così persistenti dinamiche invernali sull'Europa.

Abbiamo quindi a che fare con una situazione che quest'anno risulta completamente ribaltata in quanto il grosso del freddo è andato tutto accumulandosi sul comparto canadese, e da qui hanno tratto linfa vitale le super depressioni che hanno sferzato il nord Europa durante tutto questo mese dicembrino. La depressione natalizia ha rappresentato l'emblema di quelle che sono le esasperate vorticità zonali che quest'inverno spadroneggiano dal Canada all'Europa, trasportando aria mite sino al cuore della Russia.

La prima metà di gennaio 2014, a grandi linee sembra presentare le medesime caratteristiche che abbiamo avuto durante quest'ultimo scorcio dicembrino, trascorrendo quindi sotto l'influenza di masse d'aria oceaniche inserite in un contesto di venti occidentali. All'interno del flusso occidentale andrebbero inserendosi delle ondulazioni maggiori del getto, le quali garantirebbero la formazione di qualche ciclogenesi (talora anche importante) a spasso sul bacino del Mediterraneo.

Ma andrà veramente così?


L'evoluzione parrebbe essere abbastanza lineare se non fosse che alcune previsioni deterministiche, seguitino a dare importanza ad una importante evoluzione invernale che sarebbe in grado di far piombare la Russia e l'intera Europa orientale sotto un tipo di tempo assai più freddo rispetto a quello attuale.

Questa evoluzione sarebbe agevolata da una intrusione di aria calda in sede polare che prenderebbe origine dalle vorticità legate ad un lobo canadese mai sopito. Una parte del gelo presente alle alte latitudini sul profondo continente Euroasiatico, verrebbe quindi "risucchiato" con azione retrograda verso la Russia europea, andando a costituire un robusto anticiclone termico. Tale dinamica sarebbe comunque favorita da alcune importanti azioni di disturbo che andrebbero palesandosi anche in stratosfera, condizionando la circolazione dell'intera colonna d'aria.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 04.18: A1 Diramazione Roma Sud

incidente

Incidente nel tratto compreso tra San Cesareo (Km. 5) e Allacciamento A1 Milano-Napoli in direzio..…

h 04.17: A25 Torano-Pescara

fog

Nebbia nel tratto compreso tra Allacciamento A24 Roma-Teramo (Km. 72) e Avezzano (Km. 88,1) in en..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum