Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

A metà strada tra l’anticiclone e le correnti fresche di estrazione oceanica

Col passare dei giorni l’Italia ed il Mediterraneo potrebbero tornare a subire l’influenza delle correnti più fresche ed instabili provenienti dall’oceano Atlantico settentrionale. Alcuni punti tuttavia sono ancora da chiarire.

Fantameteo 15gg - 9 Luglio 2013, ore 15.30

L’arrivo del periodo a cavallo tra la seconda e la terza decade di luglio, potrebbe essere caratterizzato da un progressivo ritiro dell’anticiclone dalla sua posizione attuale che risulta fortemente sbilanciata verso l’Europa nord-occidentale. L’anticiclone tenderà infatti ad essere “piallato” dalle correnti fresche e tendenzialmente instabili nord-atlantiche che inizieranno nuovamente a scorrere sui settori europei più settentrionali. In una prima fase il Mediterraneo centro-orientale verrà parzialmente coinvolto da una ventilazione nord-occidentale sul bordo dell’anticiclone, preparando l’atmosfera alle mosse successive che potrebbero risultare assai determinanti per il tempo sul nostro Paese nell’ultima fase di luglio.

L’abbassamento del flusso zonale atlantico potrebbe infatti preannunciare l’avvio di una terza decade di luglio caratterizzata da fasce anticicloniche che andranno a collocare i propri massimi di pressione e geopotenziale a sud dell’Italia. Questa particolare distribuzione delle alte pressioni sull’Europa porterebbero così effetti assai diversi sul tempo atmosferico rispetto a quanto è avvenuto sinora.

Le infiltrazioni fresche di origine atlantica avrebbero modo di penetrare anche sul nostro Paese portando alcune fasi temporalesche che sarebbero indirizzate prevalentemente alle regioni settentrionali. Dal canto loro le regioni del centro-sud potrebbero subire la parziale influenza del richiamo d’aria calda prefrontale che avrebbe un’origine africana e farebbe lievitare le temperature sino a livelli di calura abbastanza consistente ma comunque non paragonabili alle ondate di calore degli ultimi anni.

Il nodo principale sul quale le previsioni a lungo termine devono ancora intraprendere una decisione, riguarda l’effettiva direttrice di provenienza delle correnti fresche. In poche parole non si riesce ancora a comprendere quanto riuscirà effettivamente ad abbattersi la pressione ed il geopotenziale sull’Europa occidentale. Qualora il campo di pressioni alte e livellate dovesse resistere più del previsto, il tempo atmosferico sullo stivale sarebbe ancora governato da un flusso di correnti nord-occidentali che porterebbero forse meno contrasti (meno temporali) ma una fase termicamente più fresca e vivibile anche per i settori meridionali della penisola.

Col passare dei giorni ne sapremo sicuramente di più.

Sintesi previsionale da mercoledì 17 luglio a giovedì 25:

Mercoledì 17 – giovedì 18: aumento graduale dell’instabilità sulle regioni del nord e su parte di quelle centrali. Tendenza a temporali pomeridiani e serali che saranno protagonisti soprattutto delle aree interne e montuose. Sulle regioni del nord questi temporali potranno occasionalmente sconfinare sino in pianura, sulle regioni centrali resteranno ancorati ai rilievi montuosi. Altrove bello e moderatamente caldo. Venti moderati variabili, temperature in lieve flessione al nord.

Venerdì 19: instabile al nord con occasionali rovesci e temporali concentrati soprattutto nei settori orientali. Sulle regioni centrali tempo migliore con qualche spunto temporalesco pomeridiano, buono al sud e sulle due isole maggiori. Temperature in flessione al nord ed al centro, più sensibile sui versanti orientali, altrove valori stazionari. Venti variabili.

Sabato 20: ancora un po’ di instabilità concentrata sull’Appennino durante le ore pomeridiane. Altrove tempo buono con temperature nuovamente in ripresa ovunque. Venti deboli variabili.

Domenica 21 – lunedì 22: cuneo anticiclonico africano coinvolge i settori centrali e meridionali dello stivale portando tempo bello e caldo. Qualche temporale concentrato solo sui rilievi del nord. (Alpi e Prealpi) Temperature in aumento anche sensibile all’estremo sud, stazionarie solo al nord. Venti deboli.

Martedì 23: breve ma intensa passata temporalesca sulle regioni del nord, tempo ancora buono e caldo al centro ed al sud. Temperature in diminuzione al nord, stazionarie su valori localmente molto caldi all’estremo sud. Ventilazione tendenzialmente meridionale.

Mercoledì 24 – giovedì 25: tempo nuovamente buono e moderatamente caldo su tutto il Paese. Temperature in ripresa al nord, in contenuto caldo al centro-sud per via dell’allontanamento del cuneo anticiclonico africano.

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum