Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Su e giù per l'autostrada sotto la neve

Le incredibili avventure nevose sulle autostrade d'Italia.

Editoriali - 5 Dicembre 2005, ore 11.36

Diverse decine di autobus sono partite intorno alle 16 dalla Capitale per fare ritorno in Piemonte dopo aver partecipato ad una manifestazione. In uno di questi autobus era presente anche il sottoscritto. A parte i soliti disagi per uscire da Roma a causa del traffico, il viaggio procede senza problemi tra un rovescio di pioggia e l’ altro che ci hanno tenuto compagnia fino a Livorno. Quando eravamo arrivati all’altezza di Grosseto, memore delle previsioni del tempo avverse, ho chiamato il 1518 (Centrale Operativa del CCISS Viaggiare Informati -Roma) dove mi hanno informato delle nevicate in atto sulle autostrade A6, A7 e A26 con problemi maggiori proprio su quest’ ultima autostrada. A questo punto ho informato gli autisti, pregandoli di cambiare itinerario di viaggio passando sulla più sicura A1 (Firenze Bologna) o sulla A15 (LaSpezia Parma) onde evitare di rimanere bloccati dalla neve. Aimè le mie parole sono state ascoltate solo in parte, si è sottovalutata l’ inefficienza e la mancanza di coordinamento di chi lavora a certi livelli nelle diverse autostrade italiane. Il mio appello è servito per fare il pieno di carburante per quanto riguarda l’ autobus e il pieno di cibo e acqua per le persone. Non mi sono dato per vinto, ho cercato un operatore, direi ormai un amico che lavora alla Centrale Operativa del CCISS Viaggiare Informati a Roma, l’ho informato che decine di autobus sarebbero transitati sulle sopra citate autostrade nell’ intento di raggiungere il Piemonte. Gli ho cortesemente chiesto che comunicasse ciò alla polizia stradale della Liguria in modo da allertarli sul nostro arrivo con la speranza di essere deviati da LaSpezia verso Parma e da qui magari verso Milano. Purtroppo la Polizia Stradale ha ringraziato per l’ informazione, che ha ritenuto importante, ma ha fatto sapere che non essendoci criticità in corso, non intendeva bloccarci o deviarci su percorsi alternativi. Così l’inevitabile è accaduto. Tutti gli autobus (oltre 20 solo quelli diretti a Torino) hanno superato LaSpezia. Da qui sono iniziati i problemi, fortissimi temporali hanno rallentato il viaggio. Incidenti in diversi punti hanno provocato code fino a Genova. A Genova abbiamo scoperto che la A7 era chiusa in direzione Milano, la A26 era chiusa in direzione Alessandria, non rimaneva quindi che proseguire per Savona nella speranza di imboccare la A6 per Torino. Solo quando siamo arrivati a Savona, con molte difficoltà a causa di veri e propri nubifragi di pioggia e Neve, abbiamo scoperto che l’ autostrada era stata chiusa. Ci siamo chiesti….. "Perché nessuno ci ha informati? Perché nessuno ha informato la Sala Operativa del CCISS che più volte abbiamo contattato?" Dopo essere rimasti “bloccati” per 1 ora a Savona siamo ripartiti….. Isoradio ci informava che la A7 in direzione Milano era nuovamente percorribile. Il viaggio riprende, gioco forza, gli Autogrill erano tutti presi d’ assalto, auto e soprattutto mezzi pesanti ci impedivano ormai l’ingresso anche nelle aree di sosta, tra Savona e Genova in molti tratti anche la corsia d’ emergenza era intasata di mezzi pesanti fermi. Qualcuno ieri ha detto "gli automobilisti e camionisti dovrebbero fermarsi negli autogrill per evitare di trovarsi bloccati dalla neve”, dove e come poterlo fare se questi sono presi d’assalto e non bastano per tutti? Rieccoci a Genova dove senza problemi imbocchiamo la A7 in direzione Serravalle. Piove sempre forte e superata Bolzaneto ecco i primi fiocchi, arriviamo a Isola del Cantone dove l’ autostrada inizia ad imbiancarsi.…… si procede, a velocità ridotta. L’ autostrada inizia a somigliare ad un viottolo di campagna ma è ancora possibile proseguire. Incrociamo 2 spazzaneve che procedono in direzione sud. La neve sull’ autostrada è di colpo superiore ai 30cm, auto ferme mezzi pesanti bloccati e di traverso non ci permettono di proseguire. Scendiamo dall’ autobus e aiutiamo gli autisti a mettere le catene al mezzo oltre che agli automobilisti bloccati e impacciati. La nevicata si fa sempre più fitta. I cm di neve diventano 40. Arriva una macchina della Polizia che ci informa che non ci sono più “lame” a disposizione per pulire l’autostrada. Passano 2 ore. L'attesa continua fino a quando l’ autista non compie una manovra da manuale….. inizia a dribblare vetture e mezzi pesanti fermi, passando su oltre 40cm di neve fresca….. la manovra funziona e percorriamo quasi 1 Km quando ci troviamo davanti un blocco insormontabile….. sull’ autostrada, illuminata a giorno dai fulmini, si vedevano solo neve e mezzi pesanti fermi. A questo punto ci siamo rassegnati, dopo 2 ora i vigili del fuoco ci soccorrono….Spostano i mezzi pesanti e per noi il viaggio riprende. Finalmente arriviamo a Tortona per immetterci sulla A21, che a detta di Isoradio e della Sala Operativa del CCISS è transitabile. Ecco un altro blocco….. la rampa per immetterci sulla Torino Piacenza è bloccata…… dopo 20 minuti di attesa ripartiamo in direzione Milano, per fare inversione di marcia al primo svincolo. Dopo 50 minuti rieccoci nuovamente a Tortona per immetterci finalmente sulla A21. Non potevamo credere ai nostri occhi, finalmente un’ autostrada pulita, togliamo le catene e cominciamo a pregustare la fine dell’ incubo. Fatti pochi Km l’autostrada si presenta coperta di neve rallentando notevolmente la marcia, ancora pochi Km e rimaniamo bloccati per 1 ora e mezza da mezzi pesanti di traverso sull’autostrada. Superato il blocco proseguiamo ai 20km/h fino alle porte di Torino dove solo la quasi assenza di precipitazioni nevose, ci consente di riprendere in modo spedito gli ultimi Km di un viaggio da incubo. Roma-Torino in 18 ore.

Autore : Mario Adinolfi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum