Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Previsioni meteo inverno 2013-2014: la previsione di MeteoLive.it

Dicembre spesso mite ma con alcune precipitazioni nella fase iniziale, nevose sulle Alpi. Gennaio inizialmente anticiclonico, poi con qualche moderata irruzione fredda, febbraio molto movimentato con molta neve in quota su Alpi ed Appennini, marzo più freddo della norma con neve anche a bassa quota su diverse regioni.

Editoriali - 16 Ottobre 2013, ore 16.52

Con l'ENSO nel Pacifico che dovrebbe mantenersi attorno a valori neutri e un vortice polare particolarmente attivo nella prima fase della stagione, l'inverno sul nostro Paese non dovrebbe discostarsi molto da quanto sperimentato nelle ultime stagioni.

Si partirà con un ultimo mese autunnale (novembre) molto variabile, in un contesto termico sostanzialmente mite, ma con alcuni sbalzi termici e raffreddamenti soprattutto in Adriatico, per un'alternanza di correnti tra l'ovest ed il nord-ovest. Non esclusa qualche penetrazione fredda in seno a correnti da est, lungo il bordo meridionale dell'anticiclone, in temporanea espansione sul centro del Continente.
 
Dicembre comincerà probabilmente sulla stessa falsariga, ma l'ondulazione delle correnti perturbate potrebbe aumentare, concedendo alcuni momenti dal sapore invernale, peraltro limitati al settentrione e forse all'Adriatico.

Sulle Alpi non dovrebbero mancare episodi favorevoli a nevicate durante la prima parte del mese. In questo frangente, a seguito di qualche eventuale fase di foehn sulla Valpadana occidentale, con il passaggio perturbato successivo potrebbe verificarsi qualche episodio nevoso in pianura tra Piemonte e Lombardia.

Nella seconda metà del dicembre il flusso occidentale sparato, figlio di un vortice polare molto compatto, porterà una sostanziale mitezza del clima con tempo variabile, spesso uggioso al nord e sul Tirreno con temperature sopra la media.

Verso la fine dell'anno le correnti dovrebbero piegare a nord-ovest determinando ad intervalli un afflusso di aria un po' più fredda verso il nostro Paese ma con nevicate relegate ai crinali alpini di confine e al massimo a qualche spruzzata lungo il versante adriatico dell'Appennino.

A cavallo tra la prima e la seconda decade di gennaio possibile fase anticiclonica su tutto il Paese con nebbie anche fitte e freddo umido nei bassi strati.

Con la fine del gennaio il vortice polare dovrebbe cominciare a scompattarsi e a splittarsi, in questo modo si potrebbero vivere le prime fasi perturbate di stampo invernale sul nostro Paese con nevicate su Alpi e soprattutto settore appenninico e qualche fenomeno nevoso anche in Valpadana. Temperature prossime o leggermente superiori alla media.

Febbraio dovrebbe riproporre un flusso atlantico molto vivace ed ondulato con molte precipitazioni, nevose in montagna e solo sporadicamente a bassa quota al nord e nelle zone interne del centro. Temperature ancora leggermente superiore alla media.

Una sorpresa potrebbe risultare il mese di marzo con ulteriore frantumazione del vortice polare e frequenti irruzioni fredde, specie sull'ovest del Continente ma con Libeccio freddo e possibili nevicate a bassa quota anche su molte regioni italiane e mese con temperature complessivamente inferiori alla media tra -0.5°C e -1°C.

In sintesi non ci attendiamo grosse irruzioni fredde destinate direttamente al nostro Paese, ma l'inverno potrebbe risultare più VERO nella seconda parte e soprattutto sul finire della stagione. Mancanza di FREDDO non fa comunque necessariamente rima con mancanza di NEVE. Infatti le nevicate sui rilievi, ma a tratti anche sulle pianure del nord non dovrebbero mancare. Sul finire della stagione, in linea con quanto accaduto già in altre circostanze, la neve potrebbe visitare anche alcune zone pianeggianti del centro-sud.

In definitiva una stagione "normale", in linea con il nuovo trend avviatosi con il nuovo secolo: stagioni con maggiori precipitazioni, anche nevose, un po' meno anticicloniche, ma non necessariamente fredde, anzi spesso relativamente miti, eccezion fatta per il crudo episodio del febbraio 2012.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum