Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Perchè l'alta pressione diventa un BLOCCO GRANITICO?

Sempre più spesso si sente parlare di "alta pressione di blocco". Quali conseguenze si hanno sul tempo a scala locale?

Editoriali - 7 Aprile 2017, ore 10.28

L’alta pressione è una massa d’aria stabile, dentro la quale prevalgono i moti discendenti che dissolvono qualsiasi sistema nuvoloso. Queste gigantesche bolle di stabilità sono spesso pigre e possono sostare per diversi giorni, se non settimane, sui medesimi luoghi.

Quando una zona di alta pressione si dispone lungo i meridiani si parla di situazione di “blocco”. Esse si ripercuotono quasi sempre sul tempo a scala locale determinando la persistenza o la mancanza di alcuni fenomeni.

Se le alte pressioni si distribuissero solo lungo i paralleli, il normale fluire delle correnti aeree (da ovest verso est) determinerebbe la classica variabilità che contraddistingue le medie latitudini, con passaggi perturbati alternati a momenti soleggiati. In questo modo le eventuali precipitazioni sarebbero anche intense, ma scarsamente persistenti e seguite da pause più o meno lunghe. Anche i periodi di bel tempo sarebbero limitati a qualche giorno, seguiti poi da nuove nubi e piogge; verrebbero in sostanza scongiurati i periodi di siccità.

Con le alte pressioni allungate sui meridiani tutto questo non accade e la componente di moto ovest-est dei sistemi nuvolosi risulta trascurabile. In questo caso vi è la persistenza dei fenomeni che possono causare piogge alluvionali o marcate fasi siccitose se ci si trova nel lato discendente dei flussi.

In Italia le situazioni di blocco più frequenti sono sostanzialmente due: la prima vede un’alta pressione distesa dal Mediterraneo centrale fino alla Russia e una profonda depressione ad ovest del continente. La medesima depressione attiva correnti caldo-umide da sud che determinano piogge intense e persistenti, soprattutto al nord e sul versante tirrenico. Le alluvioni di Genova, quelle del Piemonte e di Firenze sono state causate da situazioni di blocco similari.

La seconda è quella in auge negli ultimi anni e contempla una bassa pressione sulla Russia e una “dorsale” di alta pressione estesa dalla Penisola Iberica verso la Francia e il bacino occidentale del Mediterraneo, che dèvia le perturbazioni atlantiche prima verso nord e poi verso sud in direzione delle Alpi. In questo modo la nostra Penisola può rimanere a secco per mesi, specie se questa situazione si realizza nel periodo invernale. Le più grandi siccità che colpiscono l’Italia (specie il centro-nord - ad esempio la siccità di quest'anno) sono causate da situazioni di questo tipo.

Se metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook riceverai i nostri aggiornamenti meteo direttamente sulla tua bacheca di Facebook e potrai interagire con tutti gli altri nostri fan: https://www.facebook.com/MeteoLive


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 00.46: A2 Napoli-Salerno

coda incidente

Code causa incidente nel tratto compreso tra S.Giovanni-Zona Industriale (Km. 2,5) e Allacciamento..…

h 00.37: S01 Strada Grande Comunicazione Fi-Pi-Li (per Livorno)

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Firenze e Svincolo San Miniato Basso (Km. 35) in entrambe..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum