Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Perché il TEMPO si è inceppato sull'Europa? Cosa non va?

Non vanno tante cose, ma da parecchi anni.

Editoriali - 28 Febbraio 2019, ore 11.00

Tutti urlano alla catastrofe perchè febbraio ha portato temperature da record su mezza Europa. In realtà queste situazioni, soprattutto noi italiani, le abbiamo già vissute a più riprese dalla fine degli anni 80 alla fine degli anni 90, con siccità per tutto l'inverno, calure anomale anche a febbraio, esplosioni quasi estive a marzo, per poi assistere molto spesso ad una recrudescenza di freddo e precipitazioni.

Certo la compensazione nel tempo non è automatica, soprattutto oggi che viviamo in un'Europa dominata dagli anticicloni e in cui registrare eventi perturbati e freddi diventa sempre più difficile. 

Questi anticicloni che lavorano in coppia, quello californiano o aleutinico che dir si voglia, e quello azzorriano ma con radici ormai quasi del tutto subtropicali o africane, tolgono l'iniziativa alle perturbazioni atlantiche, tenendole alte di latitudine. 

Ci si è messo poi un vortice polare straordinariamente attivo, alla faccia di chi lo prevedeva in fase di stanca; ne derivano così correnti da ovest piuttosto sparate che impediscono gli scambi meridiani di calore e di fatto le precipitazioni e le nevicate.

Da qui tutti i nostri problemi: queste anomalie sono influenzate dalle teleconnessioni? Cioè quello che succede dall'altra parte del mondo, soprattutto negli oceani a livello termico, ha risvolti sull'Europa? In parte sembra di si, ma gli studi si contraddicono.

A fare l'aiuto regista del tempo in Europa si dice sia anche la corrente in quota in uscita dalle Montagne Rocciose
e nell'economia di queste onde cariche di aria calda e fredda in alternanza, l'Italia finisce quasi sempre sotto la protezione di quella più stabile e calda.

E il "sole debole" non doveva influenzare il tempo di questa stagione invernale?
Cercare risvolti immediati alla dormienza solare è un po' pretenzioso. Diciamo che nel nord America può certamente aver contribuito insieme allo strat-warming di fine dicembre, a determinare la discesa verso sud di temperature a 1500m che si osservano davvero raramente alle latitudini medie. In Europa questo non è avvenuto, ma noi non abbiamo addosso il core del vortice polare come loro.

Attenzione comunque: un vortice polare così compatto ad inizio marzo, potrebbe anche voler dire che nelle prossime settimane tutto quel freddo ancora presente lassù potrebbe riversarsi alle basse latitudini nel momento in cui il vortice spesso finirà per indebolirsi e smantellarsi gradualmente.

Questo potrebbe tardarsi in ondate di maltempo per l'Europa o ondate di freddo tardive: non sappiamo ovviamente se queste avranno come obiettivo l'Italia o no.

In ogni caso non aspettatevi che dopo una fine di febbraio del genere, marzo o aprile ci consegnino automaticamente un tempo da spiaggia...
 

LEGGI ANCHE: pioverà davvero e tanto il 6 marzo? E dove? http://www.meteolive.it/news/In-primo-piano/2/il-guasto-di-mercoled-6-marzo-ci-sar-o-no-/77801/


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum