Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La piega presa dalla stagione influenzerà le piogge dell'autunno?

Vi invitiamo ad una riflessione le cui conclusioni non sono poi così banali come potrebbero sembrare a prima vista.

Editoriali - 18 Agosto 2005, ore 10.58

Sembra che questa estate abbia intenzione di farsi ricordare per l'estrema dinamicità e vulnerabilità: nella prima parte (giugno e luglio) vere e proprie ondate di calore si alternavano con episodi piovosi di breve durata; invece adesso, ad agosto, giornate belle e gradevoli si alternano con periodi instabili e temporaleschi. Insomma, anche se la stagione non è ancora finita, possiamo dire che essa non ha rispecchiato del tutto gli estremi della canonicità. Ma questo strano comportamento dell'estate potrà portare in qualche modo delle conseguenze sul cammino della stagione autunnale? Beh, possiamo ragionare in due maniere differenti, attraverso due scuole di pensiero talmente contrastanti che portano a risultati completamente opposti: 1) Si! L'andamento dell'estate influenzerà l'autunno. Questo può valere se pensiamo al principio dell'imponderabile e del caos, quel famoso ragionamento che ci porta a concludere che il battito delle ali di una farfalla in Cina può fornire la quantità sufficiente di energia all'atmosfera per generare un uragano sui Caraibi. Seguendo questo principio infatti possiamo dire (in linea di massima) che la strana posizione assunta dalle configurazioni bariche durante i mesi di giugno, luglio ed agosto, avendo influenzato i movimenti delle masse d'aria durante questi mesi, non potrà che mutare anche le traiettorie successive delle perturbazioni, e quindi anche le mosse delle perturbazioni portatrici di piogge fra settembre, ottobre e novembre (ma anche dopo). 2) No! Non ci sarà nessuna interferenza sul clima autunnale. Se ci pensiamo dal punto di vista astronomico il percorso stagionale seguito è sempre lo stesso: il Sole si abbassa sull'orizzonte con gradualità seguendo sempre lo stesso iter; di conseguenza anche il riscaldamento ed il raffreddamento dell'atmosfera a livello globale è sempre lo stesso; pertanto anche le traiettorie seguite dai flussi atmosferici principali saranno sempre (o quasi) le stesse. Insomma, seguendo questo tipo di ragionamento si capisce che l'autunno potrebbe essere una stagione più che regolare, oppure estremamente calda e secca, o magari fresca e piovosa .... insomma, non si arriva ad una conclusione certa! In realtà entrambi questi assunti hanno dei "bachi" evidenti che ne vanificano la veridicità, e fanno sorgere molti dubbi sul possibile andamento stagionale; le uniche armi che abbiamo a disposizione sono i modelli matematici che sfornano previsioni a lunghissimo termine, ma come sappiamo queste ultime hanno una affidabilità estremamente bassa, praticamente nulla. Di conseguenza vi consigliamo di affidarvi sempre a previsioni che parlano del tempo previsto a pochi giorni di distanza, mai a mesi o addirittura anni; l'atmosfera infatti ha una "memoria" molto corta, e se avesse possibilità di ragionamento non avrebbe nemmeno la più pallida idea di come si comporterebbe a distanze temporali così elevate.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum