Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'OPINIONE: primi piccoli antipasti invernali in un autunno piacevolmente piovoso

Autunno mite? Sarebbe eccezionale che non lo fosse.

Editoriali - 25 Novembre 2003, ore 09.52

Diciamolo subito: è un autunno generoso. Speravamo potesse aiutarci a risolvere i danni provocati da una primavera avara di pioggia e da un'estate terribile e così è stato. Il fatto poi che non faccia freddo non deve farci gridare allo scandalo; l'autunno è mite per definizione, anche se qualche volta, in passato, ha giocato a fare l'inverno. Ancora molti episodi piovosi ci attendono prima di entrare nel cuore della stagione invernale. Tra giovedì sera e sabato mattina sperimenteremo una diminuzione delle temperature in concomitanza e dopo il transito di un sistema frontale che originerà anche una depressione sul Golfo di Genova. L'afflusso freddo sarà effimero ma utile a far respirare un po' di aria invernale e forse a regalare l'emozione della neve fin quasi in pianura tra domenica e lunedì mattina al nord-ovest, segnatamente su Piemonte, Varesotto e Valle d'Aosta. Poi una depressione si incastrerà ad ovest del Continente tra due figure di alta pressione, quella azzorriana, un po' ballerina ma furbetta e un bestione sulla Russia europea. Sentiremo nuovamente il respiro delle correnti miti mediterranee insomma nei primi giorni del dicembre. Anche negli States arrivano sciabolate di freddo mordi e fuggi, da notare invece il gelo assoluto nella Siberia e il caldo sul sud Africa e il nord-ovest dell'Australia, dove ormai è praticamente estate. Dicembre smetterà prima o poi di proporci scenari e configurazioni autunnali? Chi può dirlo, intanto è bene sottolineare che la disposizione attuale dei centri di alta e bassa pressione non è proprio quella canonica, il flusso zonale atlantico autentico sembra ormai un lontano ricordo, a far piovere ci pensano questi grossi scambi termici tra le alte e le basse latitudini e il conseguente isolamento di alcune depressioni con presenza sempre più massiccia di anticicloni bloccanti. Ciò che prima accadeva ogni tanto, ora sembra diventata la norma. Spiegare perchè? Non la finiremmo più e scommetto di avervi già annoiato abbastanza.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum