Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'INVERNO è vicino? E la NEVE in pianura?

Il vortice polare è disturbato, l'anticiclone dorme, l'autunno potrebbe prendere una piega invernale.

Editoriali - 11 Novembre 2019, ore 12.22

Nella seconda metà di novembre gradualmente sull'Europa il tempo comincia ad assumere caratteristiche più vicine all'inverno che all'autunno e se non intervenisse, come sovente avviene, un rinforzo del vortice polare nel corso del dicembre con le sue correnti miti da ovest, probabilmente tutti finirebbero gradualmente nel freezer.

Il punto è che quest'anno il vortice polare non appare sul punto di mettere il turbo (almeno sino ad ora), né tantomeno (cosa ben più rara) si mostra attivo l'anticiclone nel rintuzzare la minaccia delle grandi depressioni atlantiche.

Ne derivano cosi scenari sul lungo termine che fanno pensare ad un'entrata a gamba tesa precoce dell'inverno, almeno sulle nostre regioni settentrionali e sul centro del Continente.

Lo si nota da molte mappe del modello americano per la terza decade del mese: abbiamo provato a sceglierne alcune, che evidenziano la tendenza della circolazione da ovest a rallentare e l'inserimento sempre più frequente, dapprima timido, poi sempre più deciso, di masse fredde in rientro dall'est europeo, in grado non solo di abbassare le temperature ma di interagire con depressioni ancora presenti nel Mediterraneo e di favorire anche precipitazioni nevose a quote basse.


La prima mappa vede per domenica 24 novembre un'ingerenza delle correnti orientali legata ad un piccolo vortice freddo retrogrado sotto l'anticiclone scandinavo, in grado di portare freddo invernale al nord:

Ecco il riflesso termico previsto a 1500m per la stessa giornata:

Per un affondo più spettacolare ma estremo, bisogna invece fare riferimento a questa carta, sempre prevista per domenica 24 novembre a 1500m, con configurazione simile ma con ben altro afflusso:

E notate che tipo di anomalia termica a questa quota si realizzerebbe:

Gli inserimenti delle correnti orientali fredde peraltro non sono affatto rare alla fine di novembre; negli anni scorsi erano tuttavia subito scoraggiate dalla veemenza della corrente a getto da ovest (comandata dal vortice polare) che, dai primi di dicembre, entrava di prepotenza sull'Europa e rimandava l'ingresso dell'inverno per un pezzo.

E' capitato però in altre annate che tale freddo non venisse evacuato con tanta facilità dai "bollori" atlantici, che facesse assumere alla stagione sin da subito connotati invernali, qualcuno ricorderà ad esempio il 2008-2009 ma ci sono anche altri esempi come il dicembre 2012. 

Che percentuale di attendibilità hanno queste carte dunque? Per ora minima: 15-20% ma sono comunque un segnale non trascurabile di una circolazione PER ORA disturbata.


 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum