Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L’alta pressione delle Azzorre: una SCOMODA PRESENZA invernale per il nord Italia (e non solo...)

Da diversi anni i nostri inverni sono sempre caratterizzati dalla presenza più o meno massiccia dell’alta pressione delle Azzorre, sempre in agguato e pronta ad entrare in azione sul nostro Paese: cambiamento climatico o semplice ciclo?

Editoriali - 12 Febbraio 2019, ore 10.44

Vi ricordate le irruzioni fredde da est con l’alta pressione russa a ricoprire parte dell’Europa centrale...con il flusso atlantico basso di latitudine che interessava il vicino Atlantico e la Penisola Iberica? Quasi sicuramente sì; situazioni del genere determinavano diffuse nevicate anche in pianura ed il freddo permaneva per giorni e giorni, prima di un successivo riscaldamento. Negli anni 80 queste situazioni si verificavano con una certa frequenza, mentre a partire dal 1990 sono diventate un’autentica rarità.

Il fatto che la situazione a scala europea sia cambiata è sotto gli occhi di tutti e questo cambiamento si evidenzia maggiormente nel periodo invernale. Le ondate di freddo sono effimere, le nevicate in pianura molto più rare e soprattutto si registra una drastica diminuzione delle precipitazioni sul nord Italia.

Volendo analizzare più tecnicamente la situazione, risulta molto difficile stabilire le cause di questo cambiamento, ma osservando i grandi centri di alta e di bassa pressione dislocati a scala europea, non si può fare a meno di notare alcune cose.

L’alta pressione delle Azzorre, presenza estiva per eccellenza che ci consente di godere del solleone di luglio e agosto, in questi ultimi anni risulta molto presente anche nel periodo invernale. Il suo territorio di competenza nel semestre freddo dovrebbe essere relegato all’Atlantico portoghese se non più a sud, con la Penisola Iberica meta delle perturbazioni oceaniche foriere di tempo perturbato.

Se osserviamo la sua posizione nel corso degli ultimi inverni ci accorgiamo che tale figura stabilizzante, che nulla ha di invernale, si trova spesso troppo a nord. Addirittura in questi ultimissimi anni, la sua presenza è talmente “ingombrante” che costituisce addirittura un blocco per le normali correnti perturbate atlantiche.

Le sue “puntate” verso le Isole Britanniche possono innescare ondate di freddo sull'Italia, che portano magari episodi nevosi al meridione, lasciando il nord sotto un FAVONIO pressoché continuo.

Questo tipo di irruzioni da nord hanno inoltre carattere effimero: esaurita la colata fredda l’alta pressione tende del 90% dei casi a “coricarsi” sul Mediterraneo, determinando vertiginosi aumenti termici, specie in quota. Inoltre le regioni settentrionali si trovano sempre sottovento alle correnti portanti; tutto ciò rende aridi gli inverni dei settori alpini italiani e della Pianura Padana.

 Persino le perturbazioni atlantiche che di tanto in tanto si presentano sull’Europa, devono fare i conti con la “distorsione” delle correnti operata dall’alta delle Azzorre; di conseguenza la loro penetrazione sul Mediterraneo non è spesso garantita ed i fenomeni risultano effimeri e transitori. 

A tutto ciò si associa anche l’innalzamento del flusso perturbato atlantico, incapace di indirizzare peggioramenti seri sul nostro Paese, ma soprattutto la cronica mancanza dell’alta pressione russa, il grande artefice degli inverni degli anni 60 e 70!

Questo grande anticiclone termico appare quasi sempre incapace di distendersi in direzione dell’Europa centrale e determinare ondate di freddo intense e prolungate.

Una domanda sorge spontanea: si tratta di un nuovo trend climatico oppure è solo un ciclo che sarà destinato ad esaurirsi? A questo quesito è assai difficile rispondere. Premettendo che il clima non cambia da un decennio all’altro, risulta difficile pensare che si tratti di un cambiamento radicale di circolazione.

Alcuni studiosi ci provano, tirando in ballo la Corrente del Golfo, altri mettono sotto accusa il vortice polare che da diversi anni risulta troppo “profondo”. La tesi più probabile, comunque, è che si tratti di un semplice ciclo climatico di durata imprecisata. Infine, il pensare che tutto ciò sia dovuto alle attività umane e problemi connessi (effetto serra e altro) non è ancora stato del tutto dimostrato.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum