Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il FALSO sollevamento dei mari è in realtà uno sprofondamento di terre emerse

Il livello del mare ha subito nel passato notevoli oscillazioni, sia verso il basso, ma anche verso l’alto.

Editoriali - 28 Settembre 2017, ore 10.40

Ad influire sull'abbassamento o sul rialzo del livello dei mari concorrono numerose cause: dalla semplice dilatazione-contrazione dell’acqua per via del suo riscaldamento-raffreddamento, alla liberazione di acqua nativa dalle profondità della terra per degassazione, durante le manifestazoni vulcaniche; non ultima l’aggiunta di acqua di origine extraterrestre a causa dell’impatto di piccoli corpi celesti che la contengono (principalmente comete e alcuni tipi di meteoriti).

Tutti questi effetti possono essere considerati trascurabili, almeno in tempo recenti, se paragonati a quelli dell’alternanza di cicli glaciali ed interglaciali, quando enormi quantità di acqua vengono intrappolate per millenni in immense calotte glaciali, durante le fasi fredde, e poi liberate nel corso delle fasi calde.

Decenni di studi ed osservazioni hanno permesso di ricostruire l’esistenza di calotte glaciali continentali su gran parte del Nordamerica, Europa settentrionale, Siberia centro-occidentale e nord-orientale. Tali calotte raggiungevano spessori di 3-5 km ed un’estensione totale di oltre 30 milioni di km2, che sommati a quella antartica e ad altri ghiacciai continentali, nel frattempo estesi ed allungati fin sulle pianure, ricoprivano 1/3 delle terre emerse.

È risaputo da tempo che durante questi periodi di massima espansione delle calotte glaciali, il livello degli oceani era di oltre 100m inferiore a quello attuale. Molte isole vennero colonizzate da uomini e animali durante queste fasi. Si poteva andare a piedi da Pescara a Spalato, ma anche attraversare la Manica, passare dalla Florida a Cuba, dall’Alaska alla Siberia e da un’isola all’altra dell’Indonesia, semplicemente perché al posto del mare c’erano sconfinate pianure.

L’ultima volta accade durante l’ultima glaciazione e tale opportunità scomparve tra 14 e 12 mila anni fa quando, con lo scioglimento delle imponenti calotte glaciali, i livello dei mari risalì progressivamente. Successivamente, in un periodo compreso tra i 6 e i 4 mila anni prima di Cristo, il livello medio degli oceani continuò a salire fin oltre i 2 metri sopra quello attuale.

Impossibile quindi pensare a città come Venezia, New Orleans, Amsterdam, Calcutta e tante altre. Durante i periodi glaciali gli immensi accumuli di ghiaccio delle calotte hanno causato un lento e progressivo sprofondamento della litosfera (crosta terrestre solida) dei territori sottostanti nel mantello terrestre (plastico e viscoso, per non dire fluido). Questo sprofondamento è osservabile oggi in Groenlandia ed Antartide, la cui crosta di superficie, nascosta sotto l’immensa cappa di ghiaccio spessa anche 3-4 km, si pone al di sotto del livello dei mari.

Una tale condizione è osservabile sempre oggi nel cuore del Canada e della Scandinavia, aree depresse fin sotto il livello dei mari in quelle che sono note come la Baia di Hudson e gran parte del Mar Baltico.

Le medesime aree, insieme a tutti i territori circostanti, liberate oltre 10 mila anni fa dall’ingombrante massa di ghiaccio, si sono sollevate progressivamente proprio come imbarcazioni liberate dal carico. Tale sollevamento, inizialmente piuttosto rapido, continua ancora oggi a ritmi piuttosto elevati e compresi tra 5 e 15 mm all’anno, ovvero 1 metro e mezzo in un secolo. Attraverso calcoli piuttosto semplici si deduce che oltre 3 milioni di km2 di fondale marino, l’equivalente dei territori suddetti più atri circostanti tuttora sommersi, si sollevano di quasi 1 cm all’anno.

Il mare è costretto a ritirarsi da queste zone e ad accumularsi con il resto della massa oceanica, contribuendo al suo innalzamento, seppure di 1-2 millimetri a decennio. Tale innalzamento, così come quello avvenuto massicciamente dopo l’ultima glaciazione, viene parzialmente, ma molto più lentamente, controbilanciato da uno sprofondamento progressivo, sempre nel mantello terrestre, di quella che è la crosta oceanica, ossia il fondale degli oceani, per il surplus di carico d’acqua.

Seguendo un ragionamento un po’ più complesso, i territori circostanti queste aree a rapido sollevamento, per un effetto riequlibrante, tendono a sprofondare leggermente ad un ritmo di circa ¼ di quello delle regioni che si innalzano; ovvero 1-3 mm all’anno. È il caso di parte del nord Europa e Russia, parte dell’Alaska, sud del Canada e nordest degli USA.

Anche questo fenomeno si va ad aggiungere al fittizio sollevamento dei mari, dal momento che in realtà è uno sprofondamento di terre emerse. In conclusione il livello globale dei mari, come accade da sempre e come testimoniato dagli studi sul passato, è tuttora oggetto di oscillazioni.

In particolare è in corso un debole e lentissimo sollevamento al quale contribuiscono vari fattori che, erroneamente, vengono ricondotti solo ed esclusivamente al riscaldamento globale.

 


Autore : Giuseppe Tito e Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 08.48: TG-BO Tangenziale Di Bologna

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Svincolo 8 Fiera-Via Michelino (Km. 16,4) e Svincolo 7 Bis Per Fe..…

h 08.48: A1 Firenze-Roma

incidente

Incidente a Firenze Scandicci in uscita in direzione da Bologna dalle 08:38 del 21 ott 2017…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum