Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ere glaciali, anidride, raffreddamenti: qualcosa non quadra...

Ruddiman e le attività agricole in grado di scongiurare le ere glaciali.

Editoriali - 30 Marzo 2011, ore 08.21

Non è un'impresa facile raccontarvi in poche righe cosa non quadri rispetto alla relazione tra concentrazione di gas serra e glaciazioni. Tutti noi pensiamo al fenomeno del riscaldamento globale come qualcosa che riguardi esclusivamente il periodo che dalla fine della piccola era glaciale ci ha traghettato sino ad oggi e diversi scienziati attribuoscono in gran parte le cause di questo riscaldamento soprattutto alle attività antropiche.

Come sapete la comunità scientifica è divisa su questo punto. Premesso che ritengo più importante limitare le attività inquinanti per migliorare la qualità e l'aspettativa di vita delle popolazioni piuttosto che per "guarire" il clima, mi è gradito farvi ragionare su alcune considerazioni, che alla fine poi si riducono a mere dispute climatologiche.

L'aumento del 20% della concentrazione di anidride negli ultimi 150 anni intrappolerebbe il calore emesso dalla Terra portando le temperature a salire fino ad ora di meno di 1°C a livello globale.

Qui entra in gioco il climatologo RUDDIMAN che afferma: "guardate che l'influenza antropica sul clima non è un'esclusiva degli anni più recenti, l'uomo interagisce con il sistema clima da secoli". Come forse molti di voi sanno le glaciazioni si ripetono a cicli di circa 100.000 anni e di pari passo con il freddo, in modo direttamente proporzionale diminuiscono anche le concentrazioni dei gas serra. Finita la glaciazione anche i livelli dei gas risalgono.

Secondo RUDDIMAN 20.000 anni fa, quando è terminata la glaciazione Wurmiana è accaduto un fatto strano, il processo di crescita dell'anidride questa volta non si è fermato e negli anni successivi, a partire dal 5000 aumenta anche il metano. Secondo il climatologo tutto è dovuto all'attività agricola dell'uomo che ha provocato intense deforestazioni e quando l'uomo si è messo a coltivare il riso ha favorito anche l'aumento della concentrazione di metano (gas appunto delle paludi).

L'aumento della temperatura indotto dalle attività agricole sarebbe stato così importante da scongiurare anche una piccola fase glaciale in Canada (4000 anni fa)...

Secondo RUDDIMAN la diminuzione dell'attività agricola dovuta a forti pestilenze ha accentuato gli effetti della PEG, piccola era glaciale verificatasi tra il 1450 ed il 1850. Commento...Difficile rinunciare a coltivare più la Terra, che ci è stata affidata affinchè traessimo da lei con fatica dei frutti per il nostro sostentamento. Ammesso e concesso, ma i dubbi sono molti, come vedremo in seguito, che l'uomo sia in grado di limitare gli effetti di una glaciazione c'è quasi da esserne soddisfatti, perchè freddo intenso può anche voler dire carestia, miseria, povertà, non dimentichiamocelo mai. Dubbi si diceva. Beh, innanzitutto RUDDIMAN involontariamente ammette che esista un ciclo naturale del clima, e questo già ci conforta, ma diventa comunque piuttosto difficile credere che solo 100 milioni di persone 8000 anni fa siano state in grado di influenzare il clima di un intero pianeta.

Possibile, si chiede una parte del mondo scientifico, che invece di vedere la regia di ogni cambiamento nell'uomo, non si cerchi di concentrare le energie sulla circolazione profonda dell'Oceano? Lo Younger Dryas ne è la prova più stupefacente. Di colpo, quasi all'improvviso, si assiste al ritorno di un regime glaciale. E qui si chiama in causa il Nastro Trasportatore, più nota dalla gente comune come la Corrente del Golfo. Una grande quantità di acqua dolce riversata nell'Oceano ha la capacità di inceppare la corrente, perchè non aumenta l'accumulo di sale e non si verifica alcuno sprofondamento. Un evento accidentale sembra aver grandemente influito in questo processo di bloccaggio: il riversamento nell'oceano di una grande quantità di acqua dolce dal Lago Agassiz, proprio per l'aumento delle temperature che ha fuso la diga naturale che lo conteneva. Pensate se a questo evento si fosse sommato anche una scarsa attività solare, cioè una semplice diminuzione del 3% dell'intensità dell'insolazione e qualche eruzione vulcanica colossale. Vedete bene come questo ed altri mutamenti climatici improvvisi gettino dubbi sull'importanza del ruolo dell'uomo nei cambiamenti climatici.

In più: il processo di raffreddamento cova per molti anni: si scalda con l'effetto altalena la zona dei tropici, fonde parzialmente il Polo e parallelamente aumentano le precipitazioni nevose nelle scandinave: dunque temporaneamente aumentano anche gli uragani. Infine scatta la fase di improvviso raffreddamento a riequilibrare il sistema (senza uomo).


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.38: A14 Ancona-Pescara

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Roseto Degli Abruzzi (Km. 344) e Atri-Pineto (Km. 351,8) in dir..…

h 01.14: A14 Ancona-Pescara

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Roseto Degli Abruzzi (Km. 344) e Atri-Pineto (Km. 351,8) in dir..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum