Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Caldo contro Freddo; 0 a 0

.....verso l'era dell'inquisizione scientifica

Editoriali - 16 Gennaio 2001, ore 16.31

Negli ultimi giorni si stanno susseguendo eventi meteorologici contrastanti, ed ecco che puntualmente arriva la "media-confusion" a distruggere quelle poche certezze che i meteo-profani erano riusciti faticosamente a costruirsi. Dopo un lungo periodo caratterizzato da piogge abbondanti al Nord e temperature superiori alla norma su tutto il paese, ecco finalmente una normale perturbazione mediterranea che ha interessato principalmente il Centro-Sud, richiamando aria fredda continentale sul Nord del paese. Le temperature sono così ritornate nella media del periodo, scendendo di parecchi gradi rispetto al caldo eccessivo dei giorni precedenti. La notizia apparsa su gran parte dei media è stata ovviamente di freddo record al Nord e pioggia e neve al Centro-Sud. Prima nota; il freddo al Nord non è affatto record, anzi, in alcune zone siamo ancora sopra la media stagionale. Seconda nota; è perfettamente normale che al Centro-Sud con siffatte situazioni ci sia abbondante pioggia e neve sui rilievi con forte vento sul mare. In questi casi i disagi sono quelli di sempre e la notizia non dovrebbe essere presentata come se si trattasse di un fenomeno insolito o eccezionale (almeno in questi casi), bensì una cronaca degli avvenimenti e nulla più. Casomai facesse 40 cm di neve a Roma allora potremmo parlare di evento eccezionale, ma attenzione, mai classificarlo neppure in questo caso, come anomalo. In meteorologia non siamo ancora riusciti a definire quale sia la normalità, di conseguenza non possiamo definire quale sia l'anomalia. Possiamo solo classificare come eccezionale un evento che si presenta assai di rado. Purtroppo noto con estremo dispiacere che a livello scientifico, invece che cooperazione, si stanno formando un po' come avviene in politica, delle fazioni e delle correnti di pensiero con il solo scopo di difendere fino alla fine la propria posizione, dimenticando fin dal principio il nobile spirito di umiltà (e di apertura verso eventuali smentite alle proprie teorie) che dovrebbe accompagnare l'uomo di scienza, ma non solo. Vediamo così scienziati che ci propongono teorie "confermate" sul riscaldamento globale e giurano che bolliremo sempre più e si irritano se qualcuno mette in dubbio quanto affermano. Lo stesso vale per la sponda opposta; c'è chi afferma di avere teorie "confermate" che il riscaldamento non ci sarà e si altera se qualcuno non è della stessa idea. Due squadre che si combattono procedono inevitabilmente più a rilento di una sola che è animata da spirito di cooperazione al suo interno, se poi aggiungiamo che il motore di tutto questo non è né la passione, né la preoccupazione per la salute del nostro pianeta, bensì il solito denaro. Allora fate da soli i conti su dove possiamo arrivare.....allo stesso punto dei grandi convegni internazionali sul clima, ovvero siamo a 0.

Autore : Luca Ronca

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum