Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Temporali primaverili: perché prediligono Prealpi, colline e zone pedemontane?

La progressiva riduzione del manto nevoso in primavera gioca un ruolo fondamentale nella formazione dei primi temporali pomeridiani su Prealpi e colline in genere.

Curiosità - 30 Marzo 2005, ore 11.19

In alcuni detti proverbiali si sottolinea come un colpo di tuono sulle regioni settentrionali annunci quasi inequivocabilmente l'arrivo della primavera. Questo naturalmente non è valido per il centro ed il sud dove invece i temporali in genere raggiungono la terraferma anche durante il semestre freddo e non si limitano al mare aperto o alle zone costiere. Dopo la stasi dovuta al freddo invernale che riduce i contrasti termici nella colonna d'aria sopra il suolo, la maggior insolazione primaverile e il ritrovato tepore riaccendono la scintilla dell'instabilità riproponendo con maggior frequenza, rovesci e acquazzoni, sovente accompagnati da fulminazioni. All'osservatore più attento e all'appassionato non sarà però sfuggito un curioso particolare: se è vero che i temporali tendono a ricomparire con più continuità in primavera, è anche vero che tendono a prediligere i rilievi, in primo luogo Prealpi e colline appenniniche, e le zone pedemontane e pianeggianti, mentre scarseggiano sulle Alpi e sulle montagne più alte dell'Appennino. Per quale motivo? Per rispondere a questa domanda basta fare un attimo mente locale sul principale meccanismo di formazione del temporale di calore o da instabilità pomeridiana: il netto contrasto tra un suolo riscaldato dal sole e uno strato d'aria sufficientemente freddo, generalmente unito ad un contesto di pressione atmosferica non troppo elevata. Ebbene, sulle Alpi e sulle vette appenniniche l'innevazione invernale è ancora spessa e piuttosto compatta, dunque le temperature dei rispettivi suoli si mantengono relativamente basse, visto che la coltre bianca riflette gran parte dell'insolazione in arrivo. Diversa è invece la situazione su colline e settori prealpini, dove man mano che si sciolgono le nevi, viene esposta al sole una percentuale di superficie crescente di giorno in giorno. Questo aumenta le possibilità che da questi pendii si liberino delle termiche, ossia quelle "bolle" d'aria calda e umida che tendono a salire condensandosi in nubi torreggianti che finiscono poi col dare origine al temporale. Il fenomeno temporalesco, partendo dunque da queste posizioni, trova poi minor difficoltà a raggiungere le zone pedemontane e pianeggianti dove riceve nuovi contributi dall'evaporazione che avviene su terreni ancora abbastanza umidi. Naturalmente, in caso dei temporali innescati dall'arrivo di una perturbazione e spinti da un ramo della corrente a getto, la distribuzione tende ad essere più uniforme dalla costa alla montagna.

Autore : Simone Maio

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.13: A2 Napoli-Salerno

coda

Code causa viabilità esterna non riceve a Castellammare Di Stabia (Km. 22,5) in uscita in direzio..…

h 17.12: A51 Via Raffaele Rubattino incrocio Tangenziale Est Di Milano

blocco coda

Code per 3 km causa tratto chiuso nel tratto compreso tra Svincolo Usmate-Velate Sud: Carnate-Pade..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum