Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Saliamo su un cumulo...

Un affascinante viaggio nella "panna montata"

Curiosità - 29 Maggio 2001, ore 09.43

Il cumulo: la nube simbolo della meteorologia, vero nemico dei piloti dell'aviazione. Vediamo brevemente quali sono i meccanismi che concorrono alla formazione di nubi di questo "spessore". Immaginiamo di percorrere insieme a dell'aria umida una scalinata con qualcuno che ci costringa a salire. Improvvisamente incontreremo dei nodi di condensazione e cominceremo a diventare una piccola nuvoletta ancora invisibile, saliremo ancora, ci espanderemo, cioé diverremo più grassi, ci raffredderemo, ci umidificheremo ulteriormente raggiungendo la saturazione, diverremo nube vera e poi cresceremo fino a non sopportare più tutto quel peso e a scaricarlo sottoforma di intensi rovesci. Quando invece una forza ci spinge verso il basso, parleremo di subsidenza e ridiscendendo la scalinata ci comprimeremo, ci riscalderemo, ci seccheremo ed evaporeremo. Ma immaginiamo di riuscire a salire: la condensazione genera infatti calore latente che spinge la nube sempre più in alto, finché non trovi aria più calda e stabile; a quel punto la crescita é arrestata e la nube non può che creare il classico incudine laterale, nel caso riesca ancora a salire verticalmente invece può arrivare a forare il tetto della troposfera, giungendo ad invadere la tropopausa. Se la nuvolosità non ha avuto la forza di compiere la trasformazione in una vera e propria cellula temporalesca, significa che qualcosa non ha funzionato: forse è mancata la spinta propulsiva recata dall'aria fredda, la vorticità in quota e l'instabilità sufficiente per divenire un capillatus incus, cioé il top dei top delle nubi cumuliformi. Il colore bianco delle torri di panna, non é necessariamente sintomo della presenza di ghiaccio come erroneamente ritenuto ma solo l'effetto ottico prodotto dal sole. Senza di lui tutto l'ammasso ci apparirebbe grigio o addirittura nero. Se ci trovassimo a sorvolare con l'aereo quella coltre di nubi, senz'altro vivremmo l'effetto montagne russe a causa dei vuoti d'aria, ascendenze, discendenze, turbolenze, create dai cumuli. Il pilota allora deve cercare di raggiungere al più presto una quota di sicurezza al di sopra dei "cavolfiori".

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum