Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Quattro passi tra le nuvole...

Anche questa mattina scopriamo le caratteristiche di due particolari formazioni nuvolose con l'ausilio anche di fotografie.

Curiosità - 26 Aprile 2004, ore 09.59

Lo sapevate che osservando il tipo di nubi presenti in cielo è possibile azzardare una previsione del tempo per le prossime ore o addirittura per il giorno seguente? Certamente la nube in sè rende quantomeno l'idea del tempo che fa, ma alcuni addensamenti nuvolosi possono essere considerati autentiche "spie" di un possibile cambiamento del tempo. Esaminiamo la prima foto. Essa ritrae un banco di cirri, che passano nel cielo quasi completamente sereno. L'osservatore poco attento non si sofferma a controllare i loro spostamenti, risultando magari più colpito dalla presenza di un maestoso cumulo che sta per coprire la sua verticale. In effetti i cirri non sono mai apportatrici di pioggia e risultano formati da minuscoli cristalli di ghiaccio che si trovano in sospensione a circa 10000 metri di altezza. Perchè dobbiamo fare attenzione alla loro presenza? Perchè molto spesso tali nubi costituiscono la parte più avanzata di una perturbazione, che potrebbe giungere sulla nostra zona tra 6-8 ore portando la pioggia. La presenza dei cirri deve essere interpretata quindi come una sorta di "campanello d'allarme" per un possibile peggioramento del tempo. Se dopo qualche ora ai cirri fanno seguito i cirrostrati e gli altostrati (nubi sempre stratiformi, ma più scure) ed il vento si orienta dai quadranti meridionali, il peggioramento del tempo è praticamente certo. Analizziamo adesso la seconda foto. Essa ci mostra un gruppo di altocumuli lenticolari, in un contesto di cielo abbastanza limpido. Anche queste nubi si trovano ad altezze elevate e portano solo debolissime piogge in prossimità di addensamenti più compatti. Tali nubi testimoniano il passaggio di forti venti che colpiscono perpendicolarmente una catena montuosa. Sul lato sopravvento si formano nubi intense e precipitazioni, mentre sul lato sottovento abbiamo la formazione degli altocumuli lenticolari. Di conseguenza se osserviamo in cielo queste nubi, ci troviamo in un settore dove l'aria risulta abbastanza secca e discendente da un contrafforte montuoso, con probabile assenza di precipitazioni ed aumento della temperatura. Queste nubi sono molto frequenti sul nostro Appennino: se le correnti sono da NE esse si formano sul lato tirrenico, se risultano da SW si formano invece lungo l'Adriatico. Se tali nubi si presentano estese ed orientate lungo una linea ideale, parallela alla catena montuosa, si parla di "onda orografica".

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.46: A14 Bologna-Ancona

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Fano - Raccordo Per Fossombrone (Km. 173,3) e Pesaro-Urbino (..…

h 17.45: A10 Genova-Ventimiglia

coda incidente

Code per 5 km causa incidente nel tratto compreso tra Arenzano (Km. 20,2) e Genova Voltri (Km. 10,..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum