Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Nebbia di fine inverno: perché è più frequente sul mare?

Perché l'aria calda sospinta verso il basso dagli anticicloni dinamici si trova a scorrere al di sopra di un cuscinetto di aria relativamente fredda, ma molto umida.

Curiosità - 6 Febbraio 2004, ore 12.42

Durante la stagione invernale, in situazioni di alta pressione stabile per giorni e giorni, spesso si formano banchi di nebbia o nubi basse, che solitamente risultano più frequenti sul mare che non in Pianura Padana o nelle vallate montane. Difatti quando si genera una figura di alta pressione dinamica (in questo caso sul Mediterraneo), solitamente l’aria viene sospinta dalle alte quote verso il basso; in tal modo si riscalda e diviene gradualmente sempre più secca; pertanto, arrivata ad una quota inferiore ai 1000 metri, essa si trova a “fare i conti” con la massa d’aria relativamente più fredda presente al suolo, ristagnante da diversi giorni a causa della quasi totale mancanza di vento (tipica del “cuore” degli anticicloni). Però l’aria che si trova a stazionare subito al di sopra della superficie marina, oltre ad essere fredda, è ovviamente anche molto umida, pertanto l’aria calda e secca che si trova a scorrere molto lentamente al di sopra di essa si umidifica rapidamente raffreddandosi nel suo strato inferiore, generando questi banchi nuvolosi compatti ed estesi (o i banchi di nebbia se l’aria calda è riuscita ad arrivare fin quasi sulla superficie del mare). Osservando una immagine satellitare (ad esempio quella che riportiamo in seno all’articolo), si può anche individuare quale è il vento (molto debole, come spiegato precedentemente) che sospinge l’aria calda in quota; basta infatti osservare la posizione dei piccoli vortici che si formano in queste situazioni. Nell’esempio riportato si possono vedere tre “riccioli” di nubi che si invorticano in senso antiorario: uno sul Mar Ligure, uno ad est della Corsica, ed uno sul basso Tirreno; prendiamo in considerazione il secondo, che è il più evidente: se si seguono le “strisce” lungo le bande nuvolose, si noterà che il flusso di aria umida (quella calda, che in un secondo tempo si è umidificata) proviene dalle Bocche di Bonifacio, e quindi da ovest. Questo ci indica anche che i venti che trasportano l’aria umida si muovono a bassa quota, e non riescono a superare i rilievi di Corsica e Sardegna, ma anzi devono convergere verso l’unica “porta” aperta fra le due Isole, le Bocche di Bonifacio appunto. Successivamente i riccioli di nubi si formeranno (fra le altre cose) a causa dell’interazione dei venti in arrivo da ovest con le debolissime brezze che si creano fra terraferma e superficie marina.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum