Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Lo “sconfinamento” dei temporali

In estate, molto spesso, un temporale può nascere in un luogo e scaricare la sua energia da tutt’altra parte. Come mai?

Curiosità - 2 Settembre 2002, ore 11.03

Siamo in un pomeriggio estivo e ci troviamo in riva al mare. La temperatura di conseguenza è piuttosto elevata, anche se l’azione della brezza mitiga in parte la sensazione di disagio fisico. Ad un certo punto, verso l’interno, cominciano a spuntare i primi cumuli, segno tangibile dell’instabilità pomeridiana indotta dal sole, ma sulla costa il cielo rimane sereno. Osservando bene le nubi in crescita, si nota una loro inclinazione e uno spostamento, seppure lieve, verso di noi. La cosa non preoccupa molto l’osservatore e la giornata sembra trascorrere nel migliore dei modi. Il pomeriggio prosegue e le nubi si ingrandiscono ulteriormente. Tuttavia si rileva un fatto insolito: oltre la base dei cumuli il cielo è sereno verso l’interno, anche se a notevole distanza da noi. Ad un certo punto arriva il classico “nero” dal vicino entroterra e con un movimento assai lento riesce a coprire il sole oscurandolo. La brezza rinforza, spirando nella direzione opposta al moto delle nubi. Stranamente, guardando in direzione dell’interno oltre il “nuvolone”, il cielo rimane sereno. Improvvisamente cadono i primi goccioloni, la brezza rinforza ulteriormente e la temperatura diminuisce. Poco dopo un forte tuono squarcia l’aria e ci troviamo sotto un autentico diluvio. Il vento ora cambia direzione e soffia dalla terra verso il mare. Dopo circa un quarto d’ora di pioggia battente, magari mista a grandine, tutto si calma e il temporale si dirige verso il mare, attenuandosi. Intanto il cielo sereno che prima si distingueva in lontananza nell’interno, avanza verso di noi e ci accorgiamo che ad una certa distanza dalla costa non è neppure piovuto. Eppure le previsioni annunciavano “temporali solo sui rilievi”. Allora cosa è successo? Ci siamo trovati sotto il classico “temporale da sconfinamento”: un fenomeno relativamente frequente sulle nostre spiagge in estate. In pratica il temporale è nato sull’Appennino, ma è stato trasportato verso il litorale da correnti in quota provenienti dalla terraferma. Durante il suo viaggio ha avuto modo di ingrandirsi e di scaricare tutta la sua potenza in un luogo anche molto distante dal punto di origine. Se le correnti aeree fossero state deboli o assenti, il suddetto temporale si sarebbe ingrandito e accanito in vicinanza della zona di origine, anche a diversi km dalla linea di costa e il bagnante non se ne sarebbe, probabilmente, neppure accorto. Curioso il fenomeno avvenuto a Genova lo scorso venerdì pomeriggio. Un temporale, nato in corrispondenza di un bacino artificiale a diversi km nell’interno, si è ingrandito durante il suo cammino e ha scaricato tutta la sua potenza sul centro cittadino in un’area molto ristretta. Le zone limitrofe e il vicino entroterra sono rimaste “ a secco”.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 00.05: A2 Autostrada del Mediterraneo

incidente

Incidente a 2,62 km prima di Svincolo Falerna-Lamezia Terme (Km. 304) in direzione Svincolo A2 Ra..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum