Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le perturbazioni si generano solo nelle basse pressioni: vero o falso?

Le grandi masse nuvolose che plasmano i sistemi frontali prendono spesso forma all'interno dei vortici depressionari ma non necessariamente, mentre non esistono centri di bassa pressione senza perturbazioni. Negli anticicloni regna invece incontrastato il sereno. Quali sono i motivi di tutto questo?

Curiosità - 23 Novembre 2012, ore 08.50

Alta e bassa pressione, anticiclone o circolazione depressionaria. Quante volte abbiamo sentito o letto queste parole ma qual'è il significato nascosto dietro a questi termini strettamente meteorologici? Il concetto fondamentale è molto semplice: se noi sostituiamo anzitutto il vocabolo "pressione" con "peso" iniziamo già a facilitarci la vita. Ma a cosa si riferisce questo peso?

Ebbene si, anche se sembrerà strano, si riferisce alla colonna d'aria che poggia sopra le nostre teste. L'aria infatti ha un peso e la sua unità di misura è l'hectoPascal. Ora, appurato che l'aria pesa, qual'è il motivo per cui a volte pesa di più e a volte di meno? Primo motivo è la sua densità; più l'aria è fredda, più è densa e più pesa. Ecco spiegato perchè durante l'inverno, ad esempio, cuscinetti di aria fredda rimangono incollati al suolo mentre aria più tiepida scorre in altitudine. Ci troviamo in condizioni di alta pressione termica.

Questa premessa ci introduce alla seconda regola sul peso dell'aria. Quando una massa di aria tiepida si muove per qualsiasi ragione verso una più fredda incollata al suolo, tenderà come abbiamo detto a sollevarsi scorrendovi sopra ma se l'aria si solleva, toglie peso alla colonna invisibile che grava sopra alle nostre teste e la pressione diminuisce. Ci troviamo appunto in prossimità di una bassa pressione.

Una forza deviante dovuta alla rotazione terrestre, nota come forza di Coriolis, impone all'aria un movimento rotatorio antiorario (nel nostro emisfero) e forza masse d'aria di differente natura a venire a stratto contatto fino a sovrapporsi, generando le note perturbazioni. Vi siete mai chiesti se possono esistere perturbazioni senza una bassa pressione?

La risposta è si. Andando oltre lo teoria della Scuola Norvegese, quella che per prima ha individuato i diversi tipi di fronti (freddo, caldo, occluso), vi sono oggi nuove correnti di pensiero e di approccio alle previsioni, che hanno individuato una bella cinquantina di soggetti sinottici. Ad esempio, settori di separazione tra masse d'aria di diverso tipo, che però non siano stati attivati da alcuna forzante ciclonica presente alle quote superiori, danno vita ad una perturbazione non legata ad alcun centro di bassa pressione: il suo nome è banda baroclina. L'immagine Meteosat qui a fianco ci mostra un sistema frontale con ciclogenesi (n°1) e uno senza ciclogenesi (n°2 sull'Italia). Le frecce rosse e blu indicano rispettivamente la traiettoria dell'aria calda e fredda. Nel caso 1 le masse d'aria si sovrappongono, nel caso 2 scorrono affiancate.

Ne risulta che possono esistere perturbazioni senza basse pressioni ma non viceversa. Il meccanismo proprio della ciclogenesi, detto anche self-development, ovvero lo sviluppo di vortici di bassa pressione, implica la distorsione delle masse d'aria, quindi la presenza di una linea frontale, cui segue un successivo approfondimento con rotazione antioraria e predisposizione a moti verticali. L'aria sale, e libera di parte del suo peso il suolo (bassa pressione), causando nel contempo condensazione e quindi formazione di nubi e piogge.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum