Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La Nina e l'influenza? Vanno a braccetto, ecco perchè

E' la conclusione alla quale sono arrivati alcuni ricercatori americani nel corso di un nuovo studio, secondo il quale la ricorrente alterazione delle condizioni climatiche del Pacifico modifica i tempi di volo e di sosta degli uccelli migratori, principale serbatoio dei virus dell'influenza.

Curiosità - 15 Marzo 2012, ore 08.37

 L'influenza: nessuno si è mai chiesto da dove arriva e perchè? E' colpa degli uccelli selvatici, i quali sono il principale serbatoio dei virus dell'influenza A. La diffusione di nuove linee pandemiche è facilitato dal passaggio del virus da questi uccelli agli animali domestici e quindi agli esseri umani.

Sono in particolare gli uccelli migratori a veicolare i virus che ci smontano le nostre giornate di fine inverno. Questi volatili, percorrendo grandi distanze e compiendo molte tappe intermedie, sono i vettori preferenziali per il trasporto e il riassortimento del genoma virale influenzale.

A questo punto un nuovo studio condotto da ricercatori della Columbia University e della Harvard School of Public Health ci viene incontro facendoci sapere di avere individuato un legame fra lo sviluppo di nuovi ceppi di influenza, le rotte migratorie di questi uccelli e l'impatto che hanno su di esse le condizioni meteorologiche a livello globale.

In particolare, come viene illustrato in un articolo pubblicato sui PNAS, i ricercatori hanno dimostrato che ciascuna delle pandemie del 1918, del 1957, del 1968 e del 2009 è stata preceduta da un fenomeno de La Niña nel Pacifico equatoriale.  Tutti e quattro i casi succitati sono stati preceduti da temperature superficiali dell'oceano al di sotto della norma, in relazione con l'oscillazione climatica periodica tipica del Pacifico che è nota come ENSO (El Niño-Southern Oscillation). La fase incriminata è appunto quella di La Niña, che mediamente si sviluppa a intervalli variabili fra i due e i sette anni.

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum