Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La neve sui nostri rilievi: un ostacolo per la formazione dei temporali pomeridiani

La copertura nevosa presente sui rilievi determina una minore ascesa di quelle “bolle” di aria calda molto importanti per la genesi dei temporali pomeridiani.

Curiosità - 16 Aprile 2003, ore 15.35

Siamo in una calda giornata estiva, in una località non troppo lontana dal mare. La giornata è serena e con poco vento e il sole già in mattinata scotta parecchio, portando la temperatura a valori piuttosto elevati. In tarda mattinata si alza la brezza di mare che mitiga la temperatura, facendola scendere di qualche grado. In direzione dei rilievi più vicini a noi, già nell’ora di pranzo, notiamo la presenza di cumuli che in un primo tempo si presentano molto tenui ed esili. Con il passare delle ore queste nubi tendono ad ingrandirsi notevolmente, originando anche qualche rovescio o breve temporale. Verso sera le stesse nubi, come di colpo si erano sviluppate, scompaiono, lasciando spazio ad una notte stellata. Questo è ciò che soventemente succede in estate, quando i nostri pendii montuosi sono colpiti dai raggi del sole che ne determinano un riscaldamento. Il calore viene letteralmente emesso dal terreno sottoforma di autentiche “bolle” di aria calda, le cosiddette termiche. Queste, quando raggiungono una determinata quota, condensano in nubi, determinando la nascita dei primi cumuli. Naturalmente più intenso è il flusso di calore che proviene dal basso, più le nubi tenderanno a svilupparsi in altezza, dando origine talvolta ai cumulonembi, annuvolamenti forieri di temporali o rovesci. Inoltre, se in quota è presente aria molto più fredda rispetto a quella presente in prossimità del suolo, questi moti di ascesa forzata tenderanno ad accentuarsi, con conseguente produzione di temporali di forte intensità. Anche in primavera il sole spesso scotta, trovandosi già alto sull’orizzonte. Di conseguenza fenomeni analoghi a quelli estivi potrebbero presentarsi anche in questa stagione, seppure con minore irruenza. Può capitare, tuttavia, che alcuni rilievi, specie quelli alpini e le vette più alte degli Appennini, mantengano la copertura nevosa anche per la prima parte della primavera, stante le basse temperature notturne Questo fatto riveste un’importanza non indifferente, perché ostacola la genesi delle nubi e dei temporali pomeridiani. Il terreno, essendo coperto dalla neve, tenderà a scaldarsi molto meno, con conseguente ridotta emanazione delle termiche, linfa vitale per le nubi cumuliformi e per eventuali temporali. Emblematico è il caso dell’arco alpino: anche in estate la “fioritura” massima di temporali avviene nella fascia di confine con la pianura(quindi nella zona prealpina) e meno in prossimità delle vette più alte, ricoperte per tutto l’anno dalle nevi perenni e dai ghiacciai. La neve che ricopre il terreno esercita quindi un’azione stabilizzante, riducendo notevolmente le differenze di temperatura tra la quota e il suolo, annullando quasi totalmente i moti verticali dal basso verso l’alto che generano le nubi imponenti dei mesi estivi.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 00.53: SS502 Di Cingoli

frana

Riduzione di carreggiata causa frana nel tratto compreso tra Incrocio Vecchiarelli (Km. 5) e Incroc..…

h 00.52: A4 Milano-Brescia

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Dalmine (Km. 169,8) e Capriate (Km. 162,7) in direzione Milano..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum