Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Irruzione gelida: sull'Egeo compare il "Sea Effect

La possente irruzione di aria artica avvenuta lo scorso fine settimana ha sospinto aria gelida sopra alle tiepide acque del Mediterraneo. Gli accesi contrasti termo-igrometrici stanno alla base della formazione del curioso fenomeno

Curiosità - 20 Febbraio 2008, ore 09.54

Lo scorso weekend il bacino centro-orientale del Mediterraneo è stato interessato da una poderosa colata di aria gelida di diretta estrazione artica. La massa d'aria durante il viaggio che l'ha portata a ridosso del Mediterraneo ha mantenuto il suo basso contenuto di umidità a causa del transito al di sopra della superficie continentale europea. Eppure non sono mancate nevicate, a tratti anche copiose, come è accaduto sui rilievi della Sila e ancor di più sui Paesi affacciati sulle sponde orientali del Mediterraneo e in particolare sull'Egeo. Proprio su quest'ultimo bacino si è verificato inoltre un fenomeno curioso che è risultato determinante negli episodi nevosi avvenuti su Atene e sull'isola di Creta. Il fenomeno è conosciuto come "Sea Effect", effetto marino, e trae origine dai vivaci contrasti che si sono innescati quando la massa di aria freddissima e asciutta in arrivo dal Polo si è riversata sulla tiepida superficie del mare. L'aria fredda molto pesante e asciutta si è trovata a scorrere al di sopra di uno strato più mite e umido a contatto con il pelo dell'acqua e si è pertanto instabilizzata. Il gioco imposto dalle coste estremamente frastagliate nonchè dall'impatto contro rilievi irregolari ha creato filamenti di nuvolosità cumuliforme disposti secondo la direzione del vento. Lo scarto termico e igrometrico tra le due masse d'aria che si sono trovate ad interagire è stato notevole e per questo ha prodotto non solo nubi ma anche precipitazioni. La differenza tra la temperatura alla quota di 850 hectopascal (circa 1400 metri) e quella sul pelo dell'acqua ha raggiunto anche i 20° C. Il rovesciamento dell'aria gelida verso le quote basse ha trascinato i fiocchi di neve in caduta fin a livello del suolo permettendo l'inconsueto scenario delle spiagge mediterranee coreograficamente imbiancate.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum