Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il vento e gli “imbuti” geografici: come stabilire dove pioverà di più?

Per fare una previsione dettagliata ed attendibile occorrono osservazioni precise sulla direzione e la velocità del vento, oltre ad una notevole conoscenza dell'orografia della zona.

Curiosità - 31 Ottobre 2003, ore 11.54

Quando in una certa zona il vento soffia teso o forte, si vedono le eventuali nubi presenti correre veloci sopra le nostre teste; se oltretutto ci troviamo in prossimità di un “imbuto” geografico, ossia in vicinanza di una vallata fra i monti o in una valle fluviale piuttosto lunga e stretta (come possono essere la Valdarno e la Valle del Tevere), possiamo vedere come le nubi tendano ad ammassarsi in certe zone ben precise, mentre in altre il cielo addirittura tende ad aprirsi completamente, lasciando intravedere in alcune occasioni il sole. In questi casi come si fa a stabilire quali siano le zone con maggiore copertura nuvolosa? Occorre innanzitutto sapere con precisione qual è l’esatta direzione di provenienza e la velocità del vento quando quest'ultimo fa il suo ingresso nella vallata; a questo punto, conoscendo l’esatta orografia della zona, si può stabilire se una certa massa d’aria riuscirà a scavalcare il crinale montuoso (provocando un effetto “Stau” sul versante sopravvento, e raffiche di “Foehn” su quello sottovento), oppure se sarà costretta a bloccarsi lungo la catena di rilievi, generando nubi sempre più dense e minacciose, in grado di provocare precipitazioni continue. Difatti entrando nella vallata il vento tenderà ad accelerare ulteriormente (d'altra parte si troverà a scorrere su una porzione di territorio sempre più ristretta e tortuosa), "saltando" quasi completamente alcune zone, in favore di altre. Consideriamo ad esempio la Valle dell’Arno; è una vasta zona prevalentemente pianeggiante che si sviluppa dalla costa fra Pisa e Livorno verso est, in direzione dell’Appennino; quando soffia un Libeccio umido e teso le province di Massa e Carrara, oltre alla Lucchesia, vedono piogge abbondanti, perché si trovano a ridosso delle Alpi Apuane e dell’Appennino Toscano, che cingono a nord la vallata fluviale. Al contrario lungo il litorale pisano e livornese con questa situazione difficilmente andrà a piovere, se non per pochi minuti, dato che gli eventuali temporali che si formeranno in mare, verranno spinti subito dal vento in direzione delle montagne, dove insisteranno per più tempo. Se si alza un forte vento da sud anche le strette vallate che si incuneano attraverso le Prealpi trentine, venete e friulane vedranno precipitazioni abbondanti; addirittura se sui Balcani è presente un anticiclone dinamico piuttosto robusto, si possono creare situazioni potenzialmente alluvionali. Di esempi come questi ne potremmo fare a decine, tuttavia non esiste una regola fissa per capire quali siano le zone in cui l’orografia favorisce le piogge, in presenza di "imbuti"; difatti ogni caso va valutato a parte.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 12.21: SS18 Tirrena Inferiore

incidente

Incidente con persone a 37,627 km prima di Incrocio Staz. Di Francavilla - SS19 Diramazione Delle C..…

h 12.13: A22 Autostrada Del Brennero

coda incidente

Code per 2 km causa incidente nel tratto compreso tra Bressanone (Km. 38) e Vipiteno (Km. 15,9)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum