Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

I satelliti meteorologici

Dove sono? Come trasmettono le immagini che arrivano a noi?

Curiosità - 11 Febbraio 2003, ore 11.31

I satelliti meteorologici ci permettono di avere una visione dall’alto di quello che sta succedendo su un continente o addirittura su un intero emisfero; ma come fanno a darci queste informazioni? Innanzitutto vengono lanciati e posti su un’orbita ben precisa, che viene calcolata in base alla loro funzione; sotto questo punto di vista possiamo distinguere le due categorie principali: - Satelliti Polari: hanno un’orbita che “taglia” l’emisfero boreale e quello australe e li porta a transitare alternatamente sul Polo Nord ed il Polo Sud - Satelliti Geostazionari: vengono guidati sulla verticale di un punto che si trova all’Equatore e poi si posizionano ad una altezza tale (circa 36.000 chilometri) da far sì che rimangano “immobili” rispetto al terreno sottostante (in poche parole se riuscissimo ad osservare il satellite dal suolo terrestre, non lo vedremmo mai spostarsi durante tutto il giorno) A quest’ultima categoria appartengono i satelliti le cui immagini vengono diffuse in sequenza sui vari “media” e che mostrano lo spostamento graduale delle nubi su una spicchio ben preciso del globo. Ma come fanno questi oggetti a “vedere” le nubi? Innanzitutto va detto che in alcuni casi vengono fatte delle fotografie vere e proprie, ma in generale sul nostro monitor vengono visualizzate delle letture differenti; non a caso sentiamo spesso parlare di “infrarosso”, di “visibile” di “vapore acqueo”; questi tre termini individuano altrettanti “occhi” del satellite, che vengono tarati in modo tale da leggere cose diverse grazie ad uno strumento raffinato, il radiometro. In particolare: - Immagine all’infrarosso: su questo occhio il satellite misura la radiazione infrarossa che viene emessa dalle superfici che si trovano nel suo campo di scansione: in pratica a seconda della radiazione infrarossa che legge in un certo punto calcola la temperatura di un oggetto, ed in base a questa gli associa un certo colore, che in generale è tarato su una scala di grigio che va dal chiaro (per temperature più basse) al “quasi nero” (per i valori termici più elevati) - Immagine nel visibile: in tal caso l’occhio del satellite legge la quantità di radiazione solare che viene riflessa da un oggetto nel suo “campo visivo”: le nubi, che si trovano relativamente più vicine al sole rispetto al terreno, ricevono più radiazione solare, ed in proporzione ne riemettono una maggiore quantità. Anche qui viene usata una scala di colori tarata appositamente - Immagine nel vapore acqueo: in questo caso si utilizza il fatto che a seconda del tipo di radiazione considerata il vapore acqueo ne assorbe una certa quantità, mentre il resto lo riemette in ogni direzione. Quindi l’occhio del satellite viene tarato per leggere tale tipo di radiazione e riesce ad individuare le masse d’aria distinguendole a seconda del loro contenuto di vapore acqueo; tale tipo di osservazione è utile per capire se ad esempio è più o meno probabile che una perturbazione si formi all’interno di una depressione C’è poi da considerare l’immagine “bispettrale”: non vengono utilizzati canali appositi sul satellite, ma l’immagine considerata non è altro che una sovrapposizione di quella nel visibile e nell’infrarosso, per avere un quadro completo della copertura nuvolosa durante le ore diurne

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 11.09: A24 Tratto Urbano

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Portonaccio - Galla Placidia (Km. 6,1) e Tangenziale Est (Km. 7,2..…

h 11.07: A7 Milano-Genova

coda rallentamento

Code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Genova Bolzaneto (Km. 125,8) e Allacciamento A1..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum