Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

A tu per tu con un ciclone extra tropicale: ecco cosa succede quando te lo trovi davanti in mare...

A contatto con il ciclone: esperienza di vita marinara.

Curiosità - 31 Agosto 2012, ore 08.34

Per un diportista o un marinaio navigato le conseguenze della trascuratezza meteorologica possono risultare comunque fatali.

Ricordiamo che, anche se ormai l'osservazione dei cicloni è assicurata dai satelliti geostazionari, la previsione della traiettoria resta imprecisa. Il solo aspetto positivo è che i cicloni del nord Atlantico si spostano a velocità relativamente ridotte, da 5 a 15 nodi. Se osservassimo il suo "scheletro" su una carta sinottica, noteremmo che il campo dei venti attorno ad un ciclone è spesso sottostimato.

L'onda che si propaga davanti al ciclone è uno dei primi segni precursori percebili. I cirri, seguiti dai cirrostrati, sono da considerarsi seriamente in stagione ciclonica. Il calo della pressione da 1 a 2hPa all'ora, fatta l'opportuna tara con la marea barometrica, annuncia l'arrivo del ciclone nelle prossime 24-48 ore.

All'approssimarsi del ciclone l'aria è calda, soffocante e la calma opprimente annuncia ore difficili. I cirri invadono ora completamente il cielo, lasciando poi il posto ai cirrostrati. In seguito le nuvole si ispessiscono, prendendo il caratteristico colore ramato tanto inquietante. La pioggia e qualche temporale possono cominciare a farsi sentire. Arrivano i primi enormi cumuli a sviluppo verticale, il vento si intensifica, ma resta irregolare. Ci troviamo a meno di 100 miglia dalla parte attiva del ciclone.

Gli uccelli marini lasciano le zone minacciate e vanno a rifugiarsi lontano, all'interno delle terre. Quando all'orizzonte vediamo arrivare una banda scura di nuvole, (la barra d'uragano che indica l'arrivo dei bracci a spirale del cumulonembo) la tempesta è vicina.

La pressione precipita e vento e mare rinforzano velocemente. Le piogge diventano intense. Il passaggio dell'occhio è segnato da cielo sereno e vento debole. Il mare è alto e incrociato. Una volta passato l'occhio vedremo passare la sequenza in senso inverso, con il vento che torna normale e una risalita della pressione tanto spettacolare quanto lo era stato in precedenza la discesa.

Se dobbiamo compiere una traversata, non appena saremo a conoscenza del rischio ciclonico, la miglior protezione sarà quella di cambiare rotta il più rapidamente possibile. I cicloni sono di dimensioni ridotte e si spostano lentamente, quindi non sarà difficile evitarli. Bisogna assolutamente avere acqua sottovento, anche se ciò ci allontanerà dalla destinazione prevista.


Autore : Report di Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum