Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Tempesta di Natale: danni in Liguria, neve record sulle Alpi e ora tocca al centro-sud

Diversi sfollati in Liguria, dove il vento forte ha raggiunto picchi di 130 km/h nel Ponente. Mare forza 8. Oltre un metro e mezzo di neve caduto in quota sulle Alpi. E ora tocca al centro-sud.

Cronaca meteo - 26 Dicembre 2013, ore 09.11

 E' stata una notte difficile su molte regioni d'Italia, dove il maltempo ha imperversato con un ampio ventaglio di fenomeni parossistici, dal vento forte alle mareggiate, dalla pioggia incessante alla grande neve in montagna. Ora il vortice punta i piedi proprio sui nostri mari e ci aspettiamo pertanto la fase di picco dei fenomeni.

 

Intanto il maltempo ha già fatto registrare diversi danni, fortunatamente senza vittime.

In Liguria  50 persone sono state sfollate da Mezzanego, in Valfontanabuona, così come prevede l’ordinanza comunale in caso di Allerta 2. I Vigili del Fuoco sono intervenuti anche su due frane, una delle quali ha interessato il comune di Rapallo. Poco distante a Chiavari, è esondato il fiume Entella. 

Allerta anche per il torrente Lavagna e per il Carasco, che hanno già superato il livello prossimo o superiore alla fuoriuscita dagli argini. Nella serata di Natale è stato inoltre chiuso un tratto dell’Aurelia tra Albisola Marina e Savona per la caduta di alberi a causa del forte vento. Il picco di vento più elevato spetta alla stazione meteorologica di Capo Mele, tra Andora e Alassio, che ha fatto registrare raffiche fino a 130km/h.

In Toscana sospesi dal pomeriggio di Natale i collegamenti marittimi con l'Isola d'Elba.

Nelle zone collinari del genovese diverse località hanno superato i 300mm di pioggia, mentre oltre 160 si sono accumulati sul litorale savonese. Nel comune di Borghetto Vara, già colpito dall’alluvione del 2011, sono state sfollate 50 persone. Preoccupa la zona di Ripalta, con la possibilità che l’Anas chiuda l’Aurelia in quel tratto.

Continua  a nevicare intensamente lungo l'arco alpino e a anche sulle cime dell'Appennino. Quantitativi di neve ingenti dai 2000 metri di quota in su, dove il rischio di valanghe è molto elevato, livello 4 su una scala di 5. Alla quota di 2000 metri nelle ultime 30 ore sono caduti mediamente dai 140 ai 170 centimetri di neve. Molti passi alpini sono transitabili solo con le catene montate. Si registrano anche le chiusure di alcuni tratti di strade statali, in particolare in Veneto e Trentino-Alto Adige. 

A Milano nella serata di Natale gli uomini della Protezione civile e della Metropolitana Milanese sono entrati in azione per scongiurare l' esondazione del fiume Seveso. Acqua alta a Venezia, dove si è registrato un picco di 120 centimetri. 

E ora il peggio toccherà al centro e al sud.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 18.31: A30 Caserta-Salerno

coda incidente

Code per 1 km causa incidente nel tratto compreso tra Palma Campania e Sarno (Km. 36,2) in direz..…

h 18.30: A14 Ramo Casalecchio

coda incidente

Code per 2 km causa ripristino incidente nel tratto compreso tra Allacciamento A1 Milano-Napoli e..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum