Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

ITALIA: nubifragi in diverse regioni

Dai nostri corrispondenti...

Cronaca meteo - 30 Giugno 2003, ore 09.20

CAMPANIA WEEK-END 28-29/06/2003 Non è difficile sintetizzare la cronaca meteo del week-end in Campania in quanto del tutto simile a quella dell'intera settimana appena conclusasi. Tempo soleggiato ovunque per l'intera giornata di Sabato, anche la Domenica è partita sulla stessa falsariga e si è conclusa senza sostanziali cambiamenti lungo le coste, mentre nelle zone interne si è vissuto qualche riflesso di quanto accaduto sul versante adriatico causa lo sviluppo di cumuli imponenti, anche se conseguenze di rilievo non risultano segnalate almeno nelle località più importanti. Le temperature massime ieri hanno raggiunto i 29°C a Napoli ed i 30°C a Salerno, mentre all'interno si sono registrati 33°C sia a Caserta che ad Avellino. Alle 22,30 a Napoli rilevati +26,5°C, con una U.R. del 75% ed una pressione di 1013hPa. Report di Luca Montella UMBRIA WEEK-END I due nuclei di aria fresca in quota che hanno attraversato l'Italia nell'ultimo weekend hanno prodotto numerose manifestazioni temporalesche anche nella fascia appenninica che va da Sansepolcro(AR) fino a Perugia. Il più violento si è rivelato il temporale di venerdì che, nato nella zona del Fumaiolo nel pomeriggio, ha disceso l'Appennino fino al maceratese, probabilmente ha pure assunto le caratteristiche di supercella (rilev.radar ARPA e particolari formazioni nuvolose). Il nucleo ha prodotto grandine secca con chicchi oltre i 5 cm di diametro, 7-8 km ad est di Città di Castello in una zona fortunatamente poco abitata nei pressi del valico di Bocca Serriola, danni soprattutto alle poche coltivazioni appenniniche,in città invece solo pochi goccioloni misti a grandine piccola, il tutto tra le 18:30 e le 19:15. Lo stesso ha inoltre prodotto grandinate e violente precipitazioni pure nella zona fra i comuni di Montone, Umbertide, Pietralunga, Gubbio. Sabato invece numerosi temporali si sono formati nella fascia preappenninica ad ovest della Valtiberina, giunti in valle hanno prodotto tra le 17 e le 20 numerosi rovesci di forte intensità ma poca grandine(grandinata moderata è stata segnalata a Perugia),g li accumuli sono molto differenti da zona a zona: 2-4 mm nel comune di Citerna(il più a nord dell'Umbria),ai 5-6mm di Città di Castello, 24-26 mm 4-5 km a sud di Città di Castello, oltre 40mm tra la frazione di Trestina(12 km a sud di Città di Castello) ed i comuni di Umbertide e Montone, le quantità poi tornano a scendere procedendo verso sud, verso Perugia, mentre riaumentano sensibilmente verso est lungo la dorsale. La giornata di domenica è stata caratterizzata da un viavai di cumulonembi e cumuli congesti fin dal mattino ma le uniche manifestazioni temporalesche si sono avute tra le 15:30 e le 17:30 solo a ridosso della dorsale tra i comuni di Pietralunga e Gubbio. Infine le temperature(sempre nel fondovalle che va da Sansepolcro(AR) fino al perugino): venerdì min 17°-19° max 33°-34,5°;sabato min 16°-18° max 32°-34°;domenica min 16°-18° max 31°-32°. Report di Pauselli Fabio (Tifernate) Città di Castello. DALLA TOSCANA Due le note principali da evidenziare per la giornata di domenica per la Toscana: 1 - La diminuzione molto contenuta delle temperature; 2 - Il discreto aumento dell'umidità relativa dell'aria che ha reso la giornata di ieri in alcune zone quasi impossibile. Basti pensare che Arezzo ieri mattina alle ore otto registrava la temperatura di 22 gradi ma con ben l'84% di umidità relativa! Il cielo lungo le coste è rimasto pressoché sereno mentre nelle zone interne abbiamo avuto il consueto (in questi casi) sviluppo di nuvolosità cumuliforme già dalla tarda mattinata che lasciava intuire il formarsi di qualche temporale "rinfrescante" (come avvenuto nella giornata di sabato a macchia di leopardo) nel tardo pomeriggio ma che invece non c'è stato, perlomeno nella parte orientale della regione. Alle 20 di ieri alcune località principali della Toscana presentavano questi dati: Arezzo 30 gradi e 48% di umidità; Firenze 30 gradi e 43% di umidità; Grosseto 29 gradi e 61% di umidità; Pisa 31 gradi e 56% di umidità. Report di Alessandro Nardi DALLA LIGURIA Già nelle prime ore della mattinata di sabato un temporale di matrice marittima sfiorava il litorale centro-orientale della regione, senza dare fenomeni di rilievo, mentre sui versanti padani dell'Appennino si addensavano nubi basse, ma generalmente improduttive. Dopo un parziale miglioramento avvenuto in tarda mattinata, un nuovo temporale, questa volta di matrice terrestre, ha interessato le zone a nord di Genova, senza tuttavia raggiungere il capoluogo. Il tutto ha insistito per qualche ora tra la Val Trebbia e la Val d'Aveto, per poi dissolversi nel tardo pomeriggio. In serata molte zone della regione sono state interessate da nuova instabilità che in questo frangente si è estesa anche alla costa. Due i temporali che hanno interessato la Liguria nella serata di sabato. Il primo, di matrice terrestre, si è limitato ad interessare le zone oltre appennino, segnatamente l'alta Val d'Orba, la Valle Stura e la Valle Scrivia, per poi allontanarsi verso nord est. Un secondo, di matrice marittima, si è sviluppato in prossimità del litorale savonese. Questo ha seguito la linea di costa e si è presentato su Genova verso le 22,30 con un accumulo di 19,4mm ( 16,4mm in un'ora) e su La Spezia intorno alla mezzanotte, con accumulo di 11,4mm. Raffiche di vento anche intense e grandinate hanno interessato soprattutto la provincia di Genova, dove i vigili del fuoco sono dovuti intervenire più volte. La domenica, invece, è trascorsa all'insegna della tranquillità atmosferica. Solo qualche nube sui rilievi nelle ore più calde e la comparsa di addensamenti di tipo marittimo in serata, ma senza conseguenze. Report di Paolo Bonino DALLA LOMBARDIA Dopo un venerdì notte con intensa attività temporalesca sulla fascia dell'alta pianura con accumuli di oltre 40 mm nel Legnanese in provincia di Milano, la mattinata di sabato si è aperta con un altro lieve temporale che ha poi lasciato spazio ad un cielo parzialmente nuvoloso. Nel pomeriggio nuovi temporali hanno interessato Varesotto e Comasco, verso sera un forte nubifragio ha interessato la città di Milano con accumuli di pioggia ragguardevoli: dai 30 ai 40 mm in poco più di trenta minuti. Impressionante il numero di scariche elettriche, un borbottio continuo ha accompagnato tutto l'evento temporalesco, i lampi hanno illuminato il cielo sino alle 23. La temperatura è crollata sino a 18°C. La domenica è risultata soleggiata, salvo qualche banco di nuvolosità bassa residua in mattinata in rientro da est. La massima a Milano non ha superato i 30°C. Report di Alessio Grosso. DOLOMITI TRENTINE Il week-end sulle Dolomiti Trentine é stato senza dubbio caratterizzato dal violento nubifragio che sabato pomeriggio si é abbattuto sulla Val di Fiemme e piu' precisamente sulla zona di Predazzo. Si é trattato di un'ora circa di pioggia violentissima accompagnatasi ad intensissima attivita' elettrica Alla fine un accumulo é arrivato a sfiorare i 90 mm in poco meno di un'ora. Per il resto, la giornata di domenica è trascorsa all'insegna del cielo coperto al mattino ma senza precipitazioni, mentre al pomeriggio le schiarite sono diventate sempre piu' ampie. Da sottolineare l'andamento delle temperature che nella zona hanno registrato un'ulteriore diminuzione sia nelle minime che nelle massime(11.7°/23.3° a 1000 mt). Report di Michele Gravina

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 15.41: SS17 Dell'appennino Abruzzese E Appulo-Sannitico

blocco

Tratto chiuso causa corsa ciclistica nel tratto compreso tra Incrocio Stazione Di S.Massimo (Km. 20..…

h 15.40: A14 Bologna-Ancona

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Allacciamento A13 Bologna-Padova (Km...…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum