Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

ITALIA: news dalle regioni, Milano africana...

Dai nostri corrispondenti...

Cronaca meteo - 23 Giugno 2003, ore 09.22

DOLOMITI TRENTINE Week-end all'insegna complessivamente del sole e del caldo quello appena trascorso nelle Dolomiti Trentine. La giornata di sabato e' stata senza dubbio migliore visto che ha visto dominare quasi incontrastato il sole, eccezion fatta per le primissime ore del pomeriggio, quando qualche cumulo ha fatto la propria momentanea comparsa, senza pero' dar luogo a nessunissimo fenomeno. A partire dalle 16, si e' avuto un progressivo rasserenamento tant'e' che la temperatura ha fatto segnare ai 1000 mt il suo massimo stagionale a 30.4 °poco prima delle 17. Durante le ore notturne ed al primo mattino la colonnina di mercurio si e' abbassata notevolmente raggiungendo i 10° a 1200 mt. La giornata di domenica, invece, dopo una mattinata trascorsa con un sole meraviglioso e caldissimo, ha visto, rispetto al giorno precedente, una notevole accentuazione della cumulogenesi pomeridiana e su alcune cime, segnatamente quelle del gruppo Sella, si e' registrato nel tardo pomeriggio qualche isolato rovescio di pioggia. La temperatura massima raggiunta a 1000 mt e' stata di 28.3°,mentre le minime sono aumentate raggiungendo i 10° a 1350-1400 mt. Report di Michele Gravina DALLA VALLE D'AOSTA Il week-end appena trascorso ci ha regalato due splendide giornate condite di tanto sole e temperature molto gradevoli che hanno favorito la presenza di turisti in tutta la Regione. Da notare il fatto che sia nella giornata di sabato che in quella di somenica la visibilita' si e' mantenuta su valori altissimi, condizione difficile da soddisfare in questi periodi a causa delle temperature elevate e dalle classiche nubi pomeridiane che rendono opaco il cielo, che talvolta assume un colore bianco. Solo nel pomeriggio di ieri sono comparse delle nuvolette innocue sui rilievi della Vallee' che tuttavia non hanno portato nessun temporale, ma solo una rinfrescata. A livello regionale si puo' notare dai dati delle stazioni meteo che nelle ore piu' calde del giorno le temperature sono aumentate e sono rimaste in quasi tutte le localita' sopra la media, infatti in vari comuni si sono superati i 30°C di massima (Aosta, Donnas, Verres e tante altri paesi nei fondovalle). In quota le cose non sono andate meglio, ad esempio ad Ayas alla quota di 2000 m., abbiamo superato i 20°C, e solo una parziale copertura nuvolosa pomeridiana a permesso alla temperatura di non alzarsi ulteriormente fino a raggiungere valori record delle settimane appena trascorse. Si sta aggravando la situazione della neve in quota che diminuisce in modo molto considerevole, e dando uno sguardo al calendario notiamo che siamo solo a giugno, quindi la speranza a cui ci aggrappiamo e' che nei prossimi mesi estivi si attivino delle piogge copiose e delle nevicate in alta quota in modo da dare respiro ai ghiacciai, che sono veri serbatoi di acqua particolarmente preziosi. Cuncludiamo col parlare di Champorcher, ove la situazione e' stata grossomodo la stessa che si e' avuta a livello regionale, con una massima nella giornata di domenica di 25,4°C e una minima nella notte che e' scesa di poco sotto i 15°C. Report di Matteo Martuccio DALLA CAMPANIA Giornata tipicamente estiva quella di domenica in Campania, onorata dalle moltitudini di gitanti che fin dalle prime ore del mattino si sono mosse dai maggiori centri urbani per trascorrere una bella giornata all'aperto. E mentre i bollettini stradali diramavano notizie di code un po' ovunque, specie in direzione delle località balneari, e gli scali marittimi per le isole e le costiere Sorrentina ed Amalfitana venivano presi d'assalto, via via anche le località collinari e montane dell'Avellinese e del Beneventano erano raggiunte da chi desiderava godere della maggiore frescura effettivamente avutasi. Le temperature massime sono state alte ma non troppo; registrate, sui litorali, punte di 29°C. Nel pomeriggio si è verificata una discreta fioritura di cumuli specie verso le zone interne montuose, il tutto è regolarmente svanito in serata, anche se un po' più lentamente sui rilievi del Cilento. Alle 21,30 a Napoli registravo una temperatura di 25°C ed un tasso di umidità relativa, altino, dell'80%. Report di Luca Montella DALLA LIGURIA La giornata di sabato si è presentata nel complesso buona, specie lungo le coste. Solo in prossimità dei rilievi della Val Trebbia, nelle ore pomeriane, si sono manifestati locali annuvolamenti cumuliformi, accompagnati da qualche breve rovescio. In serata il cielo è tornato ovunque sereno. Le temperature si sono mantenute attorno ai 27°-28° lungo la fascia costiera, anche per merito della brezza di mare particolarmente attiva. In alcune zone dell'entroterra si sono localmente superati i 32°-33°. Anche la giornata di domenica ha visto il sole dominare la scena, a parte qualche cumulo innocuo sui rilievi nelle ore più calde, ma senza fenomeni. Nel pomeriggio, sul settore centro-occidentale della regione, si è fatta strada una nuvolosità alta e sottile, residuo delle incudini temporalesche presenti in prossimità dell'arco alpino occidentale. Le temperature, sulla costa, hanno oscillato tra i 28° e i 30°, con tasso di umidità superiore al giorno precedente. Report di Paolo Bonino DALLA LOMBARDIA Le ennesime punte di caldo del fine settimana hanno inciso molto sulla capacità di adattamento dei lombardi alla calura che ormai perdura dall'inizio del mese. Sabato, complice anche il Foehn, la temperatura ha raggiunto i 36°C nell'area del Milanese, e i 35°C su molte zone della regione. Il cielo azzurro è stata la testimonianza di un tasso di umidità fortunatamente basso. Domenica un calo della pressione al nord delle Alpi ha fatto cessare l'effetto favonico, favorendo un rientro di aria leggermente meno calda e più umida da est. Si sono così raggiunti "solo" punte di 34-35°C. Qualche cumulo spaurito ha interessato i rilievi del comasco nel pomeriggio. Chi si è avventurato all'aperto a Milano nelle ore più calde ha sperimentato l'effetto Sahara con marciapiedi roventi e brezza calda, da collasso... Report di Paolo Galli

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.41: SS120 Dell'etna E Delle Madonie

problema rallentamento sdrucciolevole

Traffico rallentato, fondo stradale scivoloso nel tratto compreso tra 41,2 km dopo Incrocio Cerami..…

h 17.39: A14 Pescara-Bari

incendio

Incendio nel tratto compreso tra Poggio Imperiale (Km. 507) e San Severo (Km. 528,6) in direzione..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum