Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

ITALIA: i temporali delle ultime 24 ore al centro-sud, la tristezza del Piemonte

Ecco tutta la cronaca.

Cronaca meteo - 1 Agosto 2003, ore 10.49

DALL'UMBRIA 31/07/2003 Quella di ieri è stata la prima vera giornata temporalesca in Umbria da alcune settimane a questa parte, fin dal primo mattino nuclei temporaleschi provenienti da Tirreno hanno iniziato ad interessare la parte più occidentale della regione, con apporti però molto limitati. Maggiori precipitazioni invece, si sono avute dalla tarda mattinata e per tutto il pomeriggio fino a notte fonda, numerosi nuclei temporalerschi si sono formati soprattutto nel ternano e lungo la fascia appenninica con traiettoria nord-sud. Le zone colpite maggiormente sono il ternano e lo spoletino con punte di oltre 25mm, mentre poca pioggia nel perugino ed in alta Umbria ad esclusione del comune di Sangiustino, il più a nord della regione, che nella sua parte est a ridosso della dorsale ha potuto beneficiare di buoni apporti. La serata si è poi conclusa con ulteriori piovaschi e piogge sparse, più insistenti nello spoletino, ed un orizzonte orientale illuminato dai molti lampi provenienti da un forte temporale nell'anconetano. Temperature minime comprese tra 14° e 18,5° mentre le massime in calo e comprese tra 27,5° e 30°C. Report di Fabio Pauselli (Città di Castello) DALLA BASILICATA Nel pomeriggio di ieri, i temporali non si sono fatti attendere anche in Lucania. Nel zona del Vulture é inziato a piovere intorno alle 19:00. Il paesaggio si è trasformato, sembrava una giornata d'autunno, con la temperatura scesa fino a 15°C. E' piovuto quasi ininterrottamente per circa 3 ore, a tratti anche intensamente ma senza provocare danni alle colture. Il terreno ha avuto il tempo di assorbire la pioggia ma tutto questo non basta certo per colmare l'arsura provocata dal grande caldo dei giorni scorsi. Stamane il cielo si presenta nuvoloso, con nubi minacciose, la temperatura registrata alle 7:00 di stamane era di 15,5°C. Report di Francesco Sperduto. DAL PIEMONTE La siccità persiste e il tempo non dà certo una mano....L' ondata temporalesca che sta interessando l'Italia è transitata sul Piemonte quasi senza colpo ferire, solo parte del sud e del nord della regione hanno beneficiato di cellule temporalesche in grado di "regalare" anche quantitativi interessanti in termini di precipitazione (da 10mm a 30mm); si è trattato però di fenomeni locali. Buona parte del Piemonte e del Torinese, capoluogo in testa non hanno visto una goccia. Nella nottata di ieri il cielo si è mantenuto molto nuvoloso e a tratti minaccioso, qualche tuono si è sentito anche su Torino, al primo mattino però si è percepito che il miglioramento sarebbe stato imminente e infatti per quasi tutta la giornata il sole è stato nuovamente il grande protagonista. Sicuramente si deve far menzione delle temperature che sono calate (soprattutto le massime), nel Torinese mediamente +19°C la minima e +28°C la massima. Questa cronaca avrebbe voluto essere il resoconto di una mattinata caratterizzata da piogge su tutto il Piemonte e invece si deve limitare ad essere la semplice cronaca di un'occasione mancata, anche se ampiamente prevista da MeteoLive. Report di Mario Adinolfi Chiusura di luglio vibrante qui in Campania. Dopo un mese dominato, a parte una breve parentesi temporalesca intorno al 10, da un indomito e bollente anticiclone nordafricano che ha arrecato notevoli disagi alla popolazione (eccezion fatta per i numerosi fortunati vacanzieri in piena attività balneare), alla fine il tanto sospirato break si è verificato proprio ieri. La giornata incominciava sulla falsariga delle precedenti, ossia illuminata da un sole splendente, tuttavia col passare delle ore il cielo andava progressivamente coprendosi per nubi medio-alte mentre il vento, che inizialmente spirava da Nord, ruotava a Libeccio. Segnali inequivocabilmente premonitori di precipitazioni in arrivo, che in tarda mattinata già avevano luogo ad Avellino regalandole i primi 2mm di apporto. Le temperature massime curiosamente coincidevano sia a Napoli che a Salerno ed Avellino, ove venivano raggiunti i 30°C. La situazione non subiva modifiche sostanziali fino al pomeriggio inoltrato, quando sui rilievi del Sannio e dell'Irpinia cominciavano a manifestarsi i primi temporali. Ma in serata, trascorse le 20, iniziava una breve ma intensa fase temporalesca che avrebbe interessato pressochè l'intero territorio regionale per più di mezz'ora, caratterizzato da forti piogge, fulminazioni intense e frequenti nonchè raffiche di vento sostenute. Qualche locale grandinata aveva luogo soprattutto verso l'interno, come ad esempio sulle alture del Cilento. Altro fenomeno rilevante è stato il repentino calo termico: in un'ora circa a Napoli la temperatura diminuiva di oltre 6°C, portandosi da 25,5°C a 19,2°C. Trascorso questo lasso di tempo i fenomeni si riducevano di intensità quasi ovunque, con apporti che alle 23,30 circa, con piogge ancora in corso, variavano dai 32mm di Avellino ai 15mm di Napoli. Nel capoluogo partenopeo, sempre alle 23,30, pioveva ancora debolmente con rare fulminazioni, la temperatura era risalita a 20,5°C con una U.R. dell'84% ed una pressione di 1009hPa. Report di Luca Montella DAL CANTON TICINO, SVIZZERA Luglio ha voluto lasciarci dicendoci di non dimenticarlo, dicendoci che ha fatto il possibile per riparare ai danni dei mesi precedenti. Ha voluto lasciarci donandoci quest'ultima giornata instabile e fresca, aprendo il cuore alla speranza. La notte scorsa, grazie al passaggio del fronte freddo sul NW, in Ticino si sono verificate delle precipitazioni temporalesche di entità da discreta a modesta: sul Sopraceneri si è avuto all'inizio della notte il passaggio di una cella temporalesca proveniente dall'Ossola, che ha provocato precipitazioni intense ma di breve durata, lasciando ca. 20-40mm tra Locarno e Bellinzona, cella che si è andata poi a spegnere coinvolgendo il resto del Sopraceneri con piogge modeste tra 5 e 15mm. Nel Sottoceneri la notte si è movimentata solo dopo le 2 e fino verso le 8 di mattina, con precipitazioni modeste e molto diluite nel tempo, con accumuli non superiori a 20mm, quindi tutto sommato nulla a che vedere con le spropositate allerte meteo di istituti od enti, inclusa MeteoSvizzera. Le temperature minime hanno subito un ulteriore lieve calo dalla giornata precedente, portandosi su valori tra 14 e 17°, registrati durante le piogge. Dal termine delle piogge più importanti, il cielo si è mantenuto da variamente nuvoloso a coperto dando qua e là ancora qualche spruzzata d'acqua, specialmente sull'estremo settore orientale del Cantone, mantenendo bassi i valori termici. Un deciso rasserenamento si è avuto solamente tra le 15 e le 17, quando il sole ha ripreso in mano le redini e la temperatura si è impennata, pur facendo registrare massime sotto la norma su valori tra i 23 e i 26°, ma quasi normali se si considera che lo zero termico era basso sui 3300m. La ventilazione è stata debole e di direzione variabile tutto il giorno, in tarda serata entrata del föhn in quota. Valori a Lugano nord: temp +15.9°/ +25.9° pioggia 18.8mm (totale luglio: 315.5mm / annuo: 685.8mm - ca. 67% della media). Report di Steve Sosio DALLA SARDEGNA Finalmente una novità nel panorama meterologico della Sardegna. Sono ricomparse le nuvole, sopratutto nella parte orientale dell'isola. Sfrtunatamente non si hanno notizie di precipitazioni importanti ma per tutta la giornata i cieli azzurri e limpidi hanno lasciato spazio a grandi formazioni nuvolose, con splendidi stratocumuli che meritavano una fotografia. Inoltre vi è da registrare la diminuzione delle temperature anche nella zona meridionale dell'isola, grazie ai venti da nord che ormai dominano la scena da 3 giorni. Da segnalare inoltre forti venti da nord e sulla Gallura e in particolare nell'isola di La Maddalena. Report di Luca Sulcis DALLA CALABRIA Rispettando il suo orario di marcia è arrivato il “mulinello” carico di temporali. La situazione meteorologica è andata peggiorando qualche ora dopo la mezzanotte con rovesci e temporali anche di forte intensità. Tuttavia, già dalle prime battute della giornata, alcune cellule temporalesche si erano sviluppate sulle zone tirreniche colpendo Lamezia e successivamente le zone Silane, per poi estendersi localmente anche sullo Ionio. Particolarmente interessate dalle precipitazioni della notte il cosentino e l’alto versante ionico dove la pioggia a tratti è risultata molto forte e accompagnata da impetuose raffiche di vento. Stessa situazione scendendo più a sud: Tropea si è trovata sotto un forte temporale; alcune raffiche di vento hanno anche spezzato i rami degli alberi, causando qualche problema alla circolazione stradale. Migliore la situazione sul basso Ionio reggino, sfiorata dalla linea di instabilità: qui solo qualche goccia di acqua. Temporale anche a Catanzaro. Oggi si replica… A cura di www.calabriameteo.it DALLA TOSCANA Due le note di rilievo: - il ritorno delle precipitazioni su tutta le regione, anche nelle zone ormai a secco da qualche mese (vedi Maremma), - il crollo delle temperature massime rispetto al giorno precedente, anche di più di 10 gradi. Già fin dal primo mattino nella regione il cielo si presentava molto nuvoloso soprattutto nell'alta Toscana. Rovesci sparsi si segnalavano su diverse zone, soprattutto in quelle più a ovest ma anche all'interno (soprattutto nella Valdichiana anche se intermittenti) mentre la catena appenninica risultava ancora con cielo poco nuvoloso. Degna di particolare interesse è risultata la grossa cella temporalesca generatasi fra Liguria e Versilia che ha provocato intense precipitazioni sopratutto su questa ultima e nel pisano che è andata espandendosi poi nella tarda mattinata un po' su tutte le zone. Da segnalare che la parte orientale della regione (l'aretino) è stata un po' ai margini della cella temporalesca. Infatti ad esempio ad Arezzo città le precipitazioni sono state davvero scarse e anche su Casentino e Altotevere Toscano. Da segnalare purtroppo una vittima nel pisano a causa di un incidente dovuto ai temporali, senza contare alcuni stabilimenti balneari semidistrutti a Marina di Massa per una tromba d'aria e altri danni in special modo in Versilia. Il tutto poi nel primo pomeriggio è traslato sull'Alto Lazio e sulle altre regioni centrali, in conseguenza di ciò la situazione atmosferica è migliorata e le piogge sono cessate un po' ovunque, ad eccezione di alcune zone dell'appennino tosco emiliano ove si sono segnalati rovesci anche intensi anche nel tardo pomeriggio. Il veloce passaggio temporalesco non ha certo risolto il problema siccità di molte zone ma perlomeno ha permesso alle temperature di scendere e anche di parecchio ponendo fine ad un lungo periodo con temperature sempre sopra la media. Ecco alcuni dati registrati alle 14 in alcune località: Arezzo 23°, Firenze 21° Grosseto 23° Pisa 17°. Report di Nardi Alessandro.

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum