Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

ITALIA e SVIZZERA: news dalle regioni

La cronaca di lunedì 20 ottobre 2003.

Cronaca meteo - 21 Ottobre 2003, ore 11.09

Dai nostri corrispondenti: LUNEDI 20 OTTOBRE SARDEGNA: Giornata di nubifragi nella Sardegna nord occidentale. Nella mattina diverse cellule temporalesche hanno colpito con precipitazioni molto violente Alghero, Tempio, Calangianus, Porto Torres e Castelsardo, provocando diversi allagamenti e seri danni a case e automobili. La pioggia non è durata più di un'ora ma in tale frangente l'intensità delle precipitazioni ha causato molti disagi: fogne saltate ad Alghero, allagamenti a Porto Torres , dove è stato inondato l'autoparco comunale e a Castelsardo, dove due torrenti sono straripati allagando diverse case. Nel resto dell'isola le precipitazioni sono state meno intense. Nel Cagliaritano la pioggia ha fatto la sua comparsa fin dal primo mattino e si è alternata al sole per le prime ore per poi lasciare spazio ad una variabilità sempre meno perturbata con il sole che ha spesso dominato la scena. Report di Luca Sulcis UMBRIA Lunedì di pioggia in Umbria, dopo una domenica serena, nella notte il cielo è andato coprendosi e fin dalla prima mattinata di ieri si sono susseguiti piovaschi e rovesci ad iniziare dalle zone più a nord, fino alla serata. Stavolta mentre la media regionale si è attestata sui 10mm di pioggia cumulati con poche zone al di sopra di questa cifra, nettamente più piovosa è stata la zona di Città di Castello con cumulativi fin sui 40mm a causa di forti rovesci e 2 temporali. Le temperature a causa del vivace e tiepido libeccio sono ancora salite, minime di ieri tra 9,5° e 14° mentre le massime sono salite oltre 17° con punte sui 20°. La mattinata odierna è iniziata generalmente con il sole, si segnala solo qualche banco di nebbiae di nubi basse in alcune zone centrali e meridionali della regione, minime mattutine tra 13° e 15° ed ancora vento da SW debole/moderato. Report di Fabio Pauselli CAMPANIA Dopo le piogge abbondanti ed il freddo che hanno caratterizzato l'ultimo vivace fine settimana, l'autunno campano ha cambiato bruscamente volto, proponendosi ieri in una veste decisamente più malinconica e monotona della precedente. Infatti si è vissuta una giornata uggiosa, interamente contrassegnata dalla presenza di nubi basse, soprattutto lungo le coste, che sospinte da un Libeccio piuttosto sostenuto scaricavano a tratti anche qualche lieve, modesto scroscio di pioggia. A riprova della scarsa consistenza delle precipitazioni avutesi, basta dare uno sguardo ad alcuni dei magri bilanci pluviometrici registrati sul finire della giornata, con valori di circa 2mm a Napoli e ad Avellino e di 3mm a Salerno. Le temperature hanno subito un generale aumento grazie al mite respiro offerto dal vento di SW, i valori massimi hanno infatti sfiorato i 20°C a Napoli e ad Avellino ed i 21°C a Salerno. La situazione è andata avanti così, senza particolari sussulti, fino a sera, quando a Napoli, sotto una leggera pioggerella, alle 22 la temperatura era di 19,5°C, con una U.R. del 92% ed una pressione di 1009hPa. Report di Luca Montella TOSCANA Giornata perturbata su tutta la regione fin dal primissimo mattino, con rovesci e acquazzoni a ripetizione, più intensi nella Versilia, nella zona delle Alpi Apuane e a ridosso dei rilievi Appenninici, notoriamente più esposti alle correnti di libeccio, che hanno soffiato abbastanza intensamente per tutta la giornata. Verso sera, dopo il passaggio nel pomeriggio del fronte freddo, la situazione è un po' migliorata e in alcune zone ogni tanto ha fatto capolino anche il sole, anche se alcuni rovesci qua e la sono rimasti in agguato. Ecco però la sorpresa: verso le 19.30 sull'aretino è scoppiato un violento temporale che è durato un ora circa. Pioggia davvero intensa, con qualche raffica di vento e attività elettrica davvero notevole, tanto che qualche fulmine illuminava la città a giorno. Il temporale è stato particolarmente violento nella periferia nord di Arezzo e a colpito anche il basso Casentino e l'Altotevere. Le temperature, grazie a questo tipo di correnti, si sono rivelate tutto sommato miti, sia le minime che le massime. Ecco i dati di alcune città alle ore 14: Arezzo 17° (registrata proprio durante un intenso rovescio) Firenze 21° Grosseto 23° Pisa 22° Report di Alessandro Nardi. CANTON TICINO e SVIZZERA Il passaggio del fronte freddo ha determinato tempo debolmente perturbato sulla nostra regione. Già dalle prime ore della notte su lunedì la nuvolosità si è mostrata piuttosto intensa, dando luogo alle prime piogge sul Ticino centro meridionale già poco dopo la mezzanotte. Piogge che si sono andate intensificando nelle ore notturne, interessando la regione insubrica da sud-ovest a nord-est; esse sono proseguite per tutta la mattinata con intensità da debole a moderata, colpendo principalmente le regioni meridionali e orientali del Ticino e che sono andate gradualmente spegnendosi dalla prima parte del pomeriggio, cessando completamente nella seconda parte dello stesso. L'accumulo risultato nel Sottoceneri si è aggirato attorno ai 10-15mm, mentre nel Ticino centrosettentrionale difficilmente si è andati sopra i 5mm. La natura fredda di questo fronte non ha lasciato che le nubi producessero un innalzamento della temperatura, tant'è che in parecchie zone del cantone anche la massima è rimasta in cifra singola (in generale valori tra 8 e 11°, più alti nelle zone dove non è piovuto), mentre la minima pure non ha risentito della maggiore copertura, fissandosi tra 5 e 8°. Al nord delle Alpi classico tempo da passaggio di fronte perturbato, con diffusa nuvolosità, che ha maggiormente coinvolto la Svizzera romanda, ma senza lasciare grossi accumuli e non facendo scendere troppo il termometro. La Svizzera orientale ha visto invece un leggero effetto favonico, con cieli generalmente meno nuvolosi e temperature leggermente più miti (fino a 16°). Lo zero termico si è situato sui 2000m, provocando la discesa del limite della neve fino sui 1500-1700m. I venti sono stati decisamente deboli e piuttosto variabili nella direzione.

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 00.29: A27 Mestre-Belluno

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Vittorio Veneto Nord (Km. 58,9) e Pian Di Vedoia-Ss51 Di Alemagna (..…

h 00.27: A56 Tangenziale Di Napoli

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Agnano (Km. 7,4) e Fuorigrotta (Km. 10,6) in direzione alla..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum