Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il clima di Roma nel novembre 2003

Temperature miti, cieli nuvolosi e frequenti piogge. Un novembre quasi da copione.

Cronaca meteo - 17 Dicembre 2003, ore 12.10

In linea con quanto fatto nei mesi precedenti, pubblichiamo in questa sede un articolo di Francesco Leone e Franca Mangianti sugli eventi meteorologici che hanno caratterizzato il mese di novembre a Roma. I dati sono stati prelevati dall'archivio storico del Collegio Romano, uno dei più antichi osservatori d'Europa, attivo fin dal 1782. (Introduzione di Emanuele Latini) *** Clima decisamente mite e moderatamente perturbato con frequenti piogge, ma con accumuli nel complesso modesti, e con la prima irruzione fredda della stagione proprio a fine mese. Si può sintetizzare così l’andamento del novembre appena trascorso che, dalle rilevazioni dell’Osservatorio meteorologico del Collegio Romano, appartenente all’UCEA, ha fatto registrare una temperatura media di 13.9°, sensibilmente più alta rispetto al valore normale, pari a 12.3°. Una caratteristica costante del periodo in esame è stata la scarsa escursione termica dovuta, in parte alla frequente copertura nuvolosa, in parte al flusso, pressoché costante, di correnti meridionali. Anche in questo mese hanno dominato la scena meteorologica gli influssi atlantici nel bacino del Mediterraneo; tuttavia, gli episodi piovosi, benché molto frequenti, non hanno prodotto precipitazioni particolarmente abbondanti come si potrebbe credere. Il pluviometro del Collegio Romano, infatti, ha totalizzato in novembre 58,2 mm di pioggia. Si tratta di un quantitativo inferiore alla norma (106,5 mm), di circa la metà. Eppure i giorni piovosi sono stati 14, ma soltanto nell’ultima settimana (50.2 mm tra i giorni 24 e 28), l’intensità delle piogge è stata rilevante. C’è da sottolineare comunque, che la distribuzione delle precipitazioni è stata molto irregolare tra le varie zone cittadine; si tratta di una situazione decisamente anomala per un mese autunnale, solitamente caratteristica dei temporali estivi. Il giorno 25 per esempio, a Fiumicino si sono misurati solo 0,2 mm, 11,6 mm al Collegio Romano, 18,6 mm all’aeroporto dell’Urbe, addirittura 56,4 mm a Ciampino. Un aspetto da sottolineare è stata la comparsa della nebbia, durante le prime ore della mattina, nei giorni 20, 26 e 30, non soltanto nelle zone periferiche dove il fenomeno è più frequente, ma anche a ridosso dei quartieri centrali della città, dove tali episodi sono piuttosto rari. Il freddo, che durante il periodo in esame comincia a presentarsi anche alle nostre latitudini, si è fatto attendere fino al giorno 28 quando è arrivato un fronte perturbato dal nord Atlantico che ha prodotto temporali con grandine in molte zone cittadine, e le prime vere nevicate sull’Appennino oltre i 1500 metri di quota. I venti si sono successivamente disposti da nord e le temperature sono scese, per la prima volta dall’inizio del mese, su valori inferiori alla norma: 4.9° di minima e 12.4° di massima il giorno 30 al Collegio Romano, e soltanto 2.7° all’alba a Roma Urbe. Pubblicato sul Corriere della Sera – Roma, Martedì 9 dicembre 2003

Autore : Francesco Leone e Franca Mangianti

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum