Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Fresco d'agosto a L'Aquila: la mosca bianca

L'agosto di fuoco che si vive in molte zone d'Italia non sembra interessare l'aquilano.

Cronaca meteo - 11 Agosto 2003, ore 08.35

Non è per suscitare invidia, ma durante quest'ultima ondata di caldo (che qui a L'Aquila si sta rivelando meno intensa di quella di fine luglio) ho avuto un'altra prova di come davvero il capoluogo d'Abruzzo, disteo tra i 620 m della periferia ed i 725 del punto più alto, chiusa in una conca interna, circondata da montagne che spesso superano i 2000, sia effettivamente la città più fredda d'Italia. Ieri sera siamo andati con amici a vedere un film proiettato in una piazza del centro. Eravamo in maniche corte e diciamo che dopo metà film faceva decisamente fresco e verso la fine ho cominciato a sentire quasi freddo, anche per via di un certo venticello. Molte persone poi hanno indossato maglie con maniche lunghe! Tornato a casa (circa all' 1:00) il termometro segnava 15 (QUINDICI) gradi. La minima di sabato (quella del mio termometro, che fa sempre qualche grado in meno di quella ufficiale per via della collocazione in zona a microclima più fresco) è stata, udite, udite: 10 (DIECI) gradi, tanto che abbiamo dovuto chiudere le finestre!!! Non è finita qui. Sabato siamo stati a Campo Imperatore, per poi salire fino al Rifugio Duca degli Abruzzi, circa 2380 m. Visto il sole splendentissimo, siamo andati in pantaloncini e maniche corte. TIRAVA UN VENTO con raffiche credo di anche 50 all'ora! La temperatura sarà stata di 12-13 gradi (stimata, anche vedendo le mappe), ma il windchill era pauroso e secondo me si avvicinava tranquillamente ad un effetto equivalente di 5 gradi. Tanto è vero che dopo 10 minuti ho cominciato ad accusare un raffreddamento generale (lieve ipotermia, credo) e un dolore all'orecchio interno, cosa che non mi succede mai (sono abituato a sciare senza cappello a meno che non ci sia la tormenta di neve)!! Il 90 per cento degli altri escursionisti indossavano giacche a vento e spesso anche cappucci ed avanzavano infreddoliti, e noi in maniche corte, mentre io, molto raffreddato, pensavo alle temperature delle grandi città, meravigliandomi e quasi non riuscendo a concepire una tale differenza (anche se del tutto spiegabile, ma fino a che certe cose non le provi sulla pelle...) Arrivati al rifugio, che è sulla cresta (solo mezz'ora a piedi), ove cercavamo un prato su cui prendere il sole, il vento era teso e costante e siamo dovuti scappare dentro. Io e mio fratello ci siamo fatti fare UNA CIOCCOLATA CALDA!!! Dopo 10 minuti mi sono sentito come se mi stessi scongelando, mi sono sentito sudare e mi sentivo strano. Evidente che prima ero andato in sia pur lieve ipotermia!

Autore : Marco Scozzafava

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum