Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Domenica violenta scodata temporalesca investe Tirreno, a Roma grandine come neve

Finimondo prima dell'alba sulla Capitale, soprattutto in alcuni quartieri. Quali sono le cause di tanta violenza?

Cronaca meteo - 1 Dicembre 2008, ore 10.23

Mentre l'alba plumbea non aveva ancora iniziato a rischiarare con le sue luci sinistre le strade della Capitale, qualcosa di grosso si stava sviluppando al largo sul Tirreno. La perturbazione giunta nella notte su domenica aveva già innaffiato a dovere Toscana, Umbria e Lazio ma il bello (si fa per dire) doveva ancora arrivare. Per comprendere i motivi di quella violenza che da lì a poco si sarebbe scatenata occorre sviscerare l'atmosfera lungo la sue sfaccettature quadrimensionali. Partendo dalle alte quote occorre considerare il fattore principale d'innesco di tutto il sistema: lo strappo della corrente a getto in alta quota. L'aria secca sopraggiunta in seno a questo lungo treno di vento in altitudine si è trovata a sorpassare ad un certo punto l'ultimo lembo di aria caldo-umida che scorreva nei bassi strati subito davanti al ramo freddo della perturbazione. La colonna d'aria si è così immediatamente instabilizzata e ha fatto saltare violentemente il tappo dell'inversione che intrappolava negli strati inferiori le masse d'aria più stabili e sature di umidità. Il punto di contatto è stato poco al largo delle coste tirreniche ma a questo si sono sommati altri due elementi. Il primo è stato il rilascio di ulteriore instabilità dovuto all'impatto delle correnti umide di Libeccio contro le asperità delle coste tirreniche, il secondo è da ricercarsi nella vigorosa pressione dell'aria fredda che premeva da tergo e che ha dato una ulteriore spinta cinematica al sistema. Insomma un cocktail esplosivo in piena regola. Molte zone tra Toscana e Lazio sono state battute da violenti e ripetuti temporali. Le temperature presenti nelle masse d'aria coinvolte hanno permesso alla neve tonda di raggiungere in molti casi anche il suolo. A Roma l'episodio più eclatante, con accumuli anche di 15 centimetri: qualcuno al risveglio ha pensato addirittura ad una abbondante nevicata.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum