Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Cronache del maltempo: la grave situazione nel cuneese

Report di Simone Ferraro, cronaca a cura del quotidiano "La Stampa".

Cronaca meteo - 16 Luglio 2002, ore 08.13

CROLLA UN PONTE A MIROGLIO (ARTESINA) - LIMONE E FRABOSA IERI ISOLATE Una persona morta, portata via dalla furia di un torrente in piena, e un´altra deceduta in un incidente, a causa del maltempo. Ponti crollati o chiusi, frane e smottamenti, strade interrotte - compresa la statale del Colle di Tenda, con la vicina linea Fs Cuneo-Ventimiglia-Nizza -, borgate isolate, abitazioni, alberghi e colonie estive evacuati. Oltre 24 ore di precipitazioni hanno messo in ginocchio parte della «Granda». La situazione è apparsa di ora in ora più grave, a partire da quando, ieri verso le 17, è stata decisa la chiusura della statale del Tenda e della ferrovia internazionale Cuneo-Nizza, a causa di una frana tra Vernante e Limone. Lo smottamento si è staccato dalla destra orografica della Val Vermenagna, invadendo binari e sede stradale. Polizia e carabinieri hanno transennato la zona. Le Fs hanno sospeso i collegamenti con Limone e la Francia: «Trenitalia» si è accollata le spese del soggiorno in albergo a Cuneo di dieci passeggeri, impossibilitati a giungere a destinazione, e di venti a Limone. Un convoglio con duecento viaggiatori è stato fatto tornare a Ventimiglia, via Francia. In serata chi ha voluto proseguire il viaggio lo ha potuto fare sulla linea Savona-Mondovì-Torino, per poi giungere a Cuneo. A Limone - di fatto isolata sul versante italiano - è stato danneggiato anche il ponte di località San Bernardo: quattro margari sono isolati con le mandrie. Gravi difficoltà anche a Frabosa Sottana, a Prato Nevoso. A Mondovì, il sindaco ha ordinato la chiusura sull'Ellero dei ponti della Madonnina, di Borgato, delle Ripe e Steirino, a Carassone. Ponte chiuso anche a Bastia. I vigili del fuoco di Mondovì sono dovuti intervenire a Chiusa Pesio, in frazione San Bartolomeo (allagamenti e piccoli ponti crollati), alla centrale e alla Certosa; in frazione San Giovanni alcune abitazioni hanno dovuto essere evacuate e in frazione Abrau è stato usato anche un canotto per raggiungere case isolate. Il comando di Cuneo dei vigili del fuoco segnala interventi a Venasca, a Ponte Valle Costa, per alberi sulla carreggiata; a Sant'Anna di Boves; al distributore di Cervasca, per esondazione torrente. Una frana è caduta sulla provinciale a Roccaforte. Chiusa la strada per Pradeboni di Peveragno (e black out elettrico), a San Lorenzo abitazioni evacuate. L´Ufficio tecnico della Provincia segnala la chiusura (per frane e smottamenti) di strade: tra Boves e Peveragno (ponte Colla), Vignolo-Roccasparvera, Vallone d´Elva, via del Ciadel tra Boves e Roccavione, Vernante-Palanfrè. Allagati anche scantinati e primo piano della casa di riposo di Lurisia. Nella tarda serata tre persone, in difficoltà sul fiume Pesio, sono state salvate da un elicottero dell'Aeronautica militare. I tre - di Chiusa Pesio - erano rimasti bloccati su una sorta di isolotto in seguito allo straripamento del corso d'acqua. È stato allertato un elicottero AB 212 della squadriglia Sar (Ricerca e soccorso) di Linate. Rapidamente completato il recupero: gli abitanti sono state trasportati all'aeroporto di Levaldigi. Salvati da vigili del fuoco anche due uomini di Peveragno, raggiunti con un canotto su un altro isolotto lungo il torrente Josina. ------------------------------------------------ ANNEGA SULL'AUTO NEL PESIO IN PIENA La curiosità di vedere da vicino la piena del Pesio è costata la vita a un pensionato di 76 anni. Giovanni Marro, residente a Chiusa Pesio. Ieri verso le 16 era a bordo della sua «Twingo», quando, sotto la pioggia torrenziale, ha imboccato una stradina privata che costeggia l´alveo e che porta a un garage sotterraneo di un condominio di via Roma (sul retro del palazzo municipale che conduce al ponte che porta alla provinciale per il Mortè). Secondo alcuni testimoni improvvisamente un´ondata di piena si è abbattuta sull´argine sinistro, proprio nel punto dove era parcheggiata la «Twingo». Alcune persone a piedi sono riuscite a mettersi in salvo ma per il pensionato non vi è stato nulla da fare: la stradina è scomparsa assieme all´auto nei gorghi. I carabinieri di Chiusa Pesio hanno fatto sgomberare l´edificio (dieci famiglie) in via Roma 26 e i vigili del fuoco hanno inutilmente cercato l´auto e il corpo costeggiando il torrente fin oltre Pianfei interrompendo le ricerche, che riprenderanno domani condizioni permettendo, al calare delle tenebre. Altro incidente mortale durante il nubifragio, nel tardo pomeriggio di ieri sulla Torino-Savona, all´uscita del casello di Ceva: vittima un sessantaduenne di Osiglia (Savona). L´uomo, Piero Perego, abitante in località Rossi, si trovava alla guida di una «Ford Fiesta». ----------------------------------------------- SGOMBERATO HOTEL MONDOLE' A PRATO NEVOSO Oltre 200 bambini (in prevalenza liguri, molti del Savonese) ospiti dell´hotel «Mondolè», a Prato Nevoso, per un campo estivo nella «conca» degli impianti sportivi, sono stati fatti evacuare, nel tardo pomeriggio di ieri, perché frane e smottamenti minacciavano la stabilità dell´edificio. Anche la palazzina del condominio «I cristalli» è stata fatta sgombrare per la stessa ragione. A Prato Nevoso, dov´erano saliti per affrontare l´emergenza, sono rimasti bloccati il sindaco Pietro Blengini, i cantonieri, i vigili urbani e i tecnici comunali: la provinciale dalle stazioni sciistiche a valle è stata chiusa, fino in frazione Alma, a valle del capoluogo. «Per noi la situazione è peggiore di quella della grande alluvione del ´94 - ha spiegato il primo cittadino, raggiunto al telefono alle 20,30 -. Tutti i ponti sono stati chiusi, quello ai Gosi di Pianvignale è inagibile, quello a Miroglio è crollato. Tutte le frazioni sono isolate. Ad Artesina è tracimato il torrente Maudagna. Nella zona del Fiordiroccia la strada non c´è più, è stata portata via aprendo una voragine lunga una cinquantina di metri. Negli altri punti è un fiume. Siamo molto preoccupati. Solo quando smetterà di piovere potremo contare i danni, pesantissimi». ------------------------------------------------- ENTRACQUE: SOCCORSI 120 BAMBINI Centoventi ragazzi bloccati dal maltempo in alta Valle Gesso sono stati portati in salvo dai vigili del fuoco. Giornata movimentata, quella di ieri, per due colonie, una di 40 bambini della «Giovane Montagna» di Moncalieri e l´altra di 80 ragazzi della parrocchia «San Giovanni Bosco» di Cuneo, sorpresi dal nubifragio a San Giacomo di Entracque. L´allarme è scattato ieri mattina in seguito ad una serie di frane e straripamenti che hanno interessato la strada di collegamento tra il Comune e la piccola frazione, situata nel cuore del Parco Naturale delle Alpi Marittime. «Quando abbiamo intuito la gravità della situazione abbiamo telefonato a valle invitando a bloccare il traffico dal paese verso San Giacomo - spiega Renzo Gerbino, del bar `´Baita Monte Gelas´´ -. Questo ha permesso di bloccare, nelle vicinanze della diga dell´Enel, la salita di un pullman, con 45 bambini a bordo, proveniente da Genova e diretto alla colonia dei Padri Gesuiti». Squadre dei vigili del fuoco di Cuneo, con «campagnole», hanno quindi raggiunto San Giacomo di Entracque, superando diversi smottamenti: una volta nella frazione è scattato il piano di evacuazione. Per tutto il pomeriggio mezzi dei pompieri e del Comune hanno fatto la spola con il fondovalle portando in salvo i ragazzi. «I giovani provenienti da Genova - spiega Gianni Aime, vicesindaco di Entracque - sono stati ospitati provvisoriamente in una colonia del paese, mentre per gli altri, di Cuneo e Moncalieri, è stato predisposto un piano di accompagnamento a casa. Le forti precipitazioni hanno causato danni anche al basamento del ponte Rosso, quello che collega, in prossimità del ristorante `´Real Park´´, il nostro Comune a Valdieri. L´area era già stata interessata dall´alluvione il 13 giugno del 2000: con l´impiego di ruspe è stato rafforzato l´argine». «Abbiamo invece proceduto alla chiusura al traffico del ponte situato nella zona del Mulino - conclude il vicesindaco - che attraverso il rio Busseto collega il Comune all´area delle piste da fondo. Per far fronte all´emergenza sono state mobilitate anche le squadre della protezione civile dell´Ana e il personale del parco Alpi Marittime». [da La Stampa]

Autore : Report di Simone Ferraro

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 04.15: A1 Roma-Napoli

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Colleferro (Km. 592,5) e Ceprano (Km. 643,3) in entrambe..…

h 04.07: A14 Pescara-Bari

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Vasto Sud (Km. 454,6) e Termoli-Molise (Km. 477) in entrambe le d..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum