Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Cronache del maltempo: il bilancio in Friuli, notizie da mantovano e ferrarese

Ecco altri reportages sulla fenomenologia della depressione "Caronte".

Cronaca meteo - 7 Giugno 2002, ore 07.44

Le cronache da Pordenone e Sacile Sott'acqua Sacile, Polcenigo, Caneva, Fiaschetti, Budoia e Marsure Diluvio nella notte su giovedì, provincia in ginocchio Fiumi e torrenti tracimati, strade interrotte dalle frane e famiglie evacuate. Pompieri e volontari al lavoro fino all'alba Pordenone Centinaia di case e scantinati allagati, numerose famiglie evacuate, strade trasformate in veri e propri torrenti, fiumi tracimati, frane, balck-out e incidenti a raffica. Questo il bilancio dell'intensa precipitazione che ieri sera ha creato una nuova emergenza nella parte alta della provincia. Le torrenziali piogge che dalle 20 di ieri sera hanno tempestato la Pedemontana hanno fatto finire sott'acqua Sacile, Caneva e le sue frazioni Fiaschetti e Fratta, San Giovanni di Polcenigo, Marsure, Aviano, Budoia e dintorni e l'intera Val Cosa. I Vigili del fuoco e la Protezione civile sono stati travolti dalle telefonate e per far fronte alle centinaia di richieste di intervento hanno dovuto chiamare in aiuto i colleghi di Gorizia, Trieste e del vicino Veneto, che sono intervenuti con gli anfibi per prestare soccorso nei centri abitati finiti anche sotto più di un metro d'acqua ed hanno lavorato tutta la notte. I guadi sono stati subito chiusi, mentre numerose strade sono state interrotte a causa di frane e allagamenti. Uno smottamento ha infatti bloccato la strada tra Polcenigo e Budoia, mentre una voragine si è aperta in centro ad Aviano. Il sottopasso di Sant'Odorico è rimasto chiuso per ore a causa dell'acqua e, in montagna, una frana, provocata dalla fuoriuscita del torrente Cosa (fatto questo che non capitava da decenni) ha bloccato la strada che porta a Clauzetto. Pompieri, tecnici comunali e volontari hanno lavorato senza tregua per tutta la notte. Soltanto stamane si potrà fare una prima stima dei danni, che saranno sicuramente ingenti. Sacile Notte di paura nel Sacilese dove le piogge scroscianti fin dal tardo pomeriggio hanno tenuto in allarme intere zone e l'acqua ha invaso scantinati e interrotto strade. I primi segnali d'allarme alla sede della Protezione Civile, intervenuta con diverse squadre, sono giunte dalle località ormai definite a rischio allagamento: Ronche, San Michele e via Curiel. A Ronche, in particolare, l'acqua ha raggiunto livelli superiori di oltre 10 centimetri a quelli della famosa piena record del 1966. Numerosi sono stati gli scantinati allagati e la strada Casello delle Acque, sino all'incrocio con via Ronche è diventata impraticabile. Molte le famiglie in strada a sistemare sacchi di sabbia davanti alle abitazioni. Allarme anche a San Michele dove il torrente Grava, gonfiatosi in poche decine di minuti, è straripato allagando strade, giardini, scantinati. Gente in strada un po' in tutta la località ad imprecare contro gli interventi da anni promessi e non realizzati. L'allarme si è quindi spostato in via Curiel dove l'acqua ha raggiunto in breve un metro di altezza ed è stato necessario l'intervento degli anfibi. Anche qui grandi proteste da parte dei residenti per il ritardo con cui vengono eseguiti i lavori di sistemazione idraulica riconosciuti indispensabili. Emergenza anche in via Luigi Nono nel pieno centro storico dove l'acqua non riusciva a defluire attraverso le caditoie intasate e apprensione in Campo Marzio e Prà Castelveccho per il continuo crescere del livello del Livenza, ormai ai livelli di guardia. Interrotta per circa mezz'ora la circolazione nel sottopasso di Sant'Odorico per una autovettura rimasta bloccata e liberato grazie al pronto intervento dei mezzi di soccorso. Disagi anche nelle abitazioni dell'intera zona a Nord di Sacile dove ad intervalli c'è stata l'interruzione della corrente elettrica. Emergenza anche a Caneva e in particolare in via Pradego e nella frazione di Fratta, dove per l'ennesima volta scantinati e abitazioni sono stati allagati da detriti e fango. Voragine ad Aviano Aviano Un vero e proprio nubifragio, come nell'Avianese non accadeva da molti anni. Le conseguenze più gravi si sono avute sulla strada provinciale, proprio davanti alla stazione dei Carabinieri, dove l'asfalto ha ceduto e si è formata una buca profonda. Immediato l'intervento dei Vigili del fuoco e della squadra dei tecnici del comune che hanno provveduto a transennare l'area prima, e a riempire la buca in un secondo momento. Alcune strade del paese si sono trasformate in torrenti. Molte le cantine delle abitazioni allagate: qualcuno ha chiamato i Vigili del fuoco, mentre qualcun'altro ha preferito fare da sé con l'ausilio delle autobotti. Preoccupante la situazione dei torrenti, dove il livello d'acqua è salito in modo rilevante. Per controllare la situazione subito si è mosso l'assessore Sandrino Della Puppa insieme al capo dell'ufficio manutenzione Claudio Gant, che hanno fatto un sopralluogo nei punti ritenuti critici. «La situazione più grave - ha detto l'assessore - si è verificata in via Pordenone. A quanto ci risulta ci sono alcune cantine allagate. Quello che ci preoccupa, invece, sono i torrenti che nelle scorse ore si sono ingrossati». La situazione nella tarda serata si era normalizzata, ma bisognerà attendere oggi per verificare la eventuale presenza di danni. (la redazione ringrazia Adriano di Cordenons, Pordenone). Cronache da mantovano e ferrarese Così scrive Nicola Cigikov: "erano le 15:30, a Poggio Rusco, nel mantovano, si sono scatenati 4-5 minuti di autentico diluvio con grandine... la pioggia era violentissima con gocce molto grosse, la grandine aveva chicchi grandi come ciliege!!! Ho visto alcune Fiat ammaccate, mentre BMW e altre Tedesche non hanno un solo segno! Mi sono giunte inoltre segnalazioni di una forte grandinata a Vigarano Mainarda (FE) nella bassa ferrarese, con accumuli di 40 mm di pioggia." Alessandro Bruscagin segnala una forte grandinata a Vigarano Mainarda (FE) nella bassa ferrarese, con accumuli di 40 mm di pioggia.

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 08.03: SP22a(RM) Via Nomentana

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Incrocio SP23a-Poggio Fiorito e..…

h 08.01: A14 Ramo Casalecchio

coda incidente

Code causa ripristino incidente nel tratto compreso tra Bologna Casalecchio (Km. 0,8) e Allacciamen..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum