Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Cronaca in Pillole dalla Lombardia e da Venezia

Le situazioni più critiche che si sono verificate in questi ultimi giorni

Cronaca meteo - 18 Novembre 2002, ore 09.30

LOMBARDIA: dopo aver fatto i conti con la intensa perturbazione di venerdì e sabato, adesso gli abitanti della Pianura Padana dovranno tenere sotto monitoraggio tutti i fiumi: il Po ad esempio in queste ore misura un livello pari a tre quarti della soglia record raggiunta durante la piena record del 2000, ed inoltre la sua portata attuale è di 7-8000 metri cubi al secondo nella zona di Pavia (contro i 10.000 di due anni fa). Ma i fiumi spesso fanno da immissari per i laghi, ed ecco che allora alcuni bacini come il Lago Maggiore si trovano a fare i conti con quantità di acqua in arrivo particolarmente cospicue e difficili da smaltire senza che il livello del lago stesso aumenti. PROVINCIA DI MANTOVA: l’acqua dell’Oglio invade la strada. Il livello del fiume infatti continua a salire di 5 cm ogni ora, nonostante ci sia stata una certa pausa nelle precipitazioni; ecco che allora nella serata di ieri i tecnici del Ponte di Torre d’Oglio, dopo aver visto che l’acqua cominciava ad invadere la strada per San Matteo delle Chiaviche, hanno deciso di chiudere il ponte stesso. LOMBARDIA: Nel weekend in gran parte della regione si sono verificate delle frane e delle esondazioni; in particolare in Valtellina una frana ha trascinato un’auto, con madre e figlia a bordo, nelle acque dell’Adda. Ma anche altre zone sono state interessate pesantemente dal cattivo tempo: ad esempio stamani è stata disposta la chiusura della Strada Statale 211 all’altezza del ponte sul Po a Pieve del Cairo (Pavia) a causa dei livelli pericolosi raggiunti dal fiume in quel punto. VENEZIA: l’acqua alta in città stavolta ha raggiunto valori veramente notevoli, a causa di una punta a ben 147 cm alle 9:45 di sabato; si tratta della quinta misura di sempre, la terza dopo l’alluvione del ’66. Chiaramente si sono registrati disagi in tutta la città, ma non solamente per i turisti, a causa del forzato passaggio sulle passerelle in Piazza S. Marco, bensì per gli abitanti, che con una marea di queste proporzioni non erano più abituati a convivere. Molti si sono adeguati e si sono attrezzati con le pompe per far uscire l’acqua da casa; altri hanno usato sacchetti di sabbia e vecchi vestiti per metterli sulla soglia della porta di casa. Ma in alcuni casi i veneziani si sono dovuti arrendere alla forza dello Scirocco, e sono rimasti a guardar sommergere le loro abitazioni da acqua spesso melmosa, perché mescolata con gli scarichi delle fogne. Anche dal punto di vista economico ci sono stati dei problemi: molti negozi allagati, con merce da buttare, o addirittura panetterie forzatamente chiuse nelle strade più lontane dal mare. Fortunatamente nella giornata di ieri la marea è stata inferiore e non ha creato problemi particolari.

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 18.28: A4 Milano-Brescia

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Bergamo (Km. 174,5) in uscita in direzione da Milano dalle 18:23 de..…

h 18.28: A12 Genova-Rosignano

coda incidente

Code causa incidente nel tratto compreso tra Genova Est (Km. 4,2) e Genova Nervi (Km. 11,5) in di..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum