Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Castelli di ghiaccio: ancora straordinarie immagini in arrivo dagli Stati Uniti

L'ondata di freddo abbattutasi appena pochi giorni fa su vaste zone degli Stati Uniti, lascia dietro di se una scia di pesanti disagi ma anche scenari di grande spettacolo.

Cronaca meteo - 9 Gennaio 2014, ore 11.00

In queste ore un veloce riscaldamento della temperatura sta ponendo fine a quella che su alcune zone degli Stati Uniti potrà annoverarsi come l'irruzione di gelo e neve più intensa degli ultimi 20 anni. Solitamente le manifestazioni prettamente invernali rivolte alle medie latitudini, sono rappresentate da sole "porzioni" d'aria fredda che dal Vortice Polare, in conseguenza di ondulazioni del getto o di veri e propri scambi meridiani, possono spingersi più o meno intensamente verso la fascia delle medie latitudini. Su buona parte di questa casistica di eventi, il centro motore di tutta la giostra resta ben salda alle latitudini polari. Nel caso degli Stati Uniti, il famigerato "lobo canadese" del Vortice Polare risiede quasi sempre sulla parte settentrionale del Canada.

Abbiamo volutamente utilizzato il termine "quasi" poichè l'evento di gelo accorso in questi giorni sugli Stati Uniti centrali ed orientali, ha tratto origine da un vero e proprio "disassamento" del nucleo più gelido del Vortice Polare che dal comparto canadese si è portato direttamente sopra gli Stati Uniti. I risultati portati da una simile situazione sono stati sotto gli occhi di tutti, le temperature raggiunte sono state da vero record, in taluni casi su località poste al confine tra Canada e Stati Uniti, è stato persino sfondato il muro dei -40 gradi con wind chill (temperatura percepita) inferiore a -50°C. Innumerevoli i picchi termici sotto -20°C registrati su vaste zone degli Stati Uniti centrali ed orientali. I primati tra le temperature più gelide raggiunte, sono appannaggio dei seguenti stati; Wisconsin, l'Illinois, Michigan, Indiana e Ohio. Su queste aree del Paese la colonnina di mercurio è scesa agevolmente al di sotto dei -25, -30 gradi.

Ci spostiamo ora sulla città di Chicago, luogo degli Stati Uniti dove la recente ondata di gran gelo ha raggiunto uno dei livelli di massima espressione anche sotto il punto di vista visivo. Nella "windy city" l'ondata di gelo si è accompagnata come spesso accade, alla presenza di una ventilazione assai forte nord-occidentale, la quale ha letteralmente nebulizzato l'acqua del lago Michigan che, in conseguenza delle temperature estremamente rigide, è andata congelando immediatamente sulle superfici esposte all'impatto con le goccioline. 

Il risultato finale di un processo durato diverse giornate è stato memorabile e lo potete vedere nelle fotografie qui proposte. La formazione di queste incredibili "sculture" di ghiaccio richiedono molte ore di "lavoro". Le goccioline nebulizzate del lago, hanno così tempo di depositarsi con gradualità al di sopra degli oggetti, creando forme bizzarre plasmate dal vento. 

 

 

 

 

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum