Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Polo a pezzi, Africa invadente: che fine faranno le stagioni?

L'emisfero settentrionale sta vivendo una fase di sensibile riscaldamento che coinvolge sia gli oceani, sia i Continenti e soprattutto la calotta polare.

Considerazioni - 7 Settembre 2012, ore 09.35

 L'estate 2012 continua a stupire. Dopo aver snocciolato un bel +0,34°C al di sopra delle temperature medie a livello globale nel mese di agosto, seguita a proporre l'evidente anomalia di una banda anticiclonica subtropicale ancora invadente e sbilanciata verso nord. Le rilevazioni lungo tutto l'emisfero settentrionale ci mostrano così un'impennata delle anomalie, sia a livello delle temperature superficiali degli oceani che di quelle continentali.

Pensate che l'Atlantico centro-occidentale, il Baltico, il mare del Nord e il Mediterraneo mostrano picchi sopra media fino a +3,5°C. Dell'estate che abbiamo appena vissuto, e che è assimilabile a quanto avvenuto un po' su tutti i Paesi mediterranei e balcanici ben sappiamo, della situazione disastrosa della banchisa polare abbiamo ampiamente descritto in un apposito articolo http://meteolive.leonardo.it/news/Sotto-la-lente/9/Ghiacci-artici-la-disfatta/38637/ ; insomma, che fine faranno le stagioni?

Il mutamento della situazione climatica a livello globale si ripercuote con una modifica al normale andamento delle stagioni, le quali perdono le caratteristiche peculiari cui eravamo abituati e ne assumono di nuove. Pur mantenendosi comunque tutte e quattro (le stagioni quindi esistono ancora !) si notano degli slittamenti e in particolare: l'inverno che climaticamente tende ad anticipare la sua comparsa nella prima metà di dicembre, salvo poi mollare sul più bello smorzando i toni dopo metà gennaio.

La primavera che parte anch'essa in anticipo, seguita da uno start anticipato anche dell'estate, le cui prime avvisaglie già compaiono dopo la metà di maggio. Ecco poi il grande cambiamento. L'autunno, al contrario delle altre stagioni, non anticipa ma dà spazio ad un prosieguo dell'estate che quindi si prende quattro mesi. E' la stagione più lunga dell'anno e, per di più, con un nocciolo duro che per mano del nord Africa arroventa la parte centrale tra luglio e agosto.

Questa è dunque la nuova scaletta dell'anno climatico in Italia, situazione sicuramente sovrapponibile anche agli altri Paesi dell'area mediterranea. Oltre all'estremizzazione dei fenomeni http://meteolive.leonardo.it/news/Sotto-la-lente/9/Il-maltempo-che-arriva-dalla-Scandinavia-casualita-o-nuova-tendenza-/38578/, ecco dunque un'altra caratteristica di questo periodo di forti cambiamenti climatici.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum